LETTERA AI GIORNALISTI VENDUTI AL SISTEMA.

buongiorno,

Lettera ai giornalisti venduti al Sistema
Marcello Pamio – 10 luglio 2017
GIORNALISTI SIETE LA VERGOGNA DELL’INFORMAZIONE!
Se Renzi pesta una merda o inciampa sul piede di qualche collega “onorevole” (la cui differenza è trascurabile) dedicate la prima pagina dei vostri giornali.
Se un povero bambino gravemente ammalato muore, la colpa ovviamente è dei non vaccinati e dedicate la prima pagina dei vostri giornali.
Se il papà di un bambino immunodepresso scrive un’accorata lettera, dedicate la prima pagina dei vostri giornali.
Se una persona malata di tumore muore (e la strage continua ogni giorno), è morto per la malattia e mai per la “cura”…
Questo è quello che i vostri padroni vi chiedono.
Se invece è il papà di un bambino morto o danneggiato dai vaccini a scrivere la lettera, non solo non pubblicate nulla ma lo snobbate e ridicolizzate.
Se una persona malata di tumore rifiuta le cure ufficiali e muore, allora è morta per le cure.
Se in un afoso sabato di luglio a Pesaro oltre 50.000 persone si riuniscono e via streaming circa 1 milione e 800 mila (e non per Vasco) non scrivete nulla nei vostri giornali….
Siete scandalosi e se vi rimane ancora un briciolo di dignità e di moralità VERGOGNATEVI!!!
I politici sono i camerieri dei banchieri,
i giornalisti i loro portavoce…

7 commenti su “LETTERA AI GIORNALISTI VENDUTI AL SISTEMA.”

  1. Questo sconcio c’è da almeno 50 anni.Nessuno si ricorda dei pennivendoli che scrivevano sulla carta straccia negli anni 70?C’erano quelli che prendevano i soldi dal partito comunista,e quelli che li prendevano dalla DC.E noi in mezzo a prendere mazzate sulle palle.L’andazzo non è cambiato affatto,e sebbene esistano ancora i nipotini di Lenin,ma mancano quelli di De Gasperi,la musica è sempre la stessa.Cambiano i suonatori passano gli anni ma lo spartito rimane uguale,inossidabile dal tempo.Qualcuno crede ancora che chi scrive sui giornali non prenda mazzette per denigrare ora questo,ora quell’altro?Oppure per innescare una campagna diffamatoria oppure per farne una di appoggio?Andiamo….Su.La faccenda dei vaccini?Una buona orchestra sostenuta dalla stampa come si dice nell’articolo,una fiducia posta dall’Associazione a Delinquere Governativa ed il gioco è fatto.E per chi non ne vuole sapere di vaccinare i figli multa da 100 a 500 euro e sospensione della Patria Potestà,per la gioia di quella cretina che hanno messo a fare il ministro,per il governo e sopratutto per le case farmaceutiche,meno che per le famiglie che rischiano di trovarsi un figlio disabile causa vaccino.Una domanda urge spontanea:DI CHI E’ LA RESPONSABILITA’ di un eventuale effetto collaterale grave,dal momento che i genitori SONO obbligati a fare vaccinare i propri figli?State tranquilli che su questo nessun giornalista pubblicherà nulla.Ricordatevi che si dividono in tre grandi categorie:i giornalisti veri,i giornalai,e gli imbrattacarte.

  2. Non vi è servo più schifoso di quello che e’ felice di esserlo . Lo stesso discorso vale per i servi e giullari felici e festanti pecoroni.

  3. Nella sanità pubblica toscana i privati a fronte di investimento di 75 milioni hanno un ritorno economico di 1,2 miliardi di euro. Di quale ritorno economico possiamo stimare a livello nazionale? La sanità pubblica non è malata ma semplicemente corrotta.La Toscana come le altre regioni. Piero avrà molto da fare se noi gli daremo fiducia.

  4. Ma sarà poi vero che in certe zone d’Italia c’è l’emergenza MALARIA? I media asserviti alle multinazionali farmaceutiche SI, per gli esperti istituzionali NON asserviti alle predette multinazionali NO. Indovinate a chi viene dato maggiormente spazio? La paura è il miglior antidoto ai conti in rosso. PIERO CI VUOLE POPOLO CONSAPEVOLE MA NOI LO VOGLIAMO?

      1. Per cambiare l’Italia possono essere utili i social ma quello che e’ realmente importante e’ l’onestà di intenti e l’aver realmente a cuore sora Italia ed i suoi figli. E tu Piero lo sei. Saluti.

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.