Il miracolo di Matteo Salvini

In questi ultimi giorni,con la messa in mora del Governo giallo-verde,Matteo Salvini è riuscito nell’impresa di ricompattare  il Partito Democratico e buona parte della sinistra italiana. Ed ora danno lezioni lezioni di onestà a destra e manca. Ma cosa affermava affermava,attraverso la sua nota,Antonio De Feo,membro della Commissione di Garanzia per il Congresso nazionale del PD,neanche fosse nel bel mezzo di un’incontro tra cosche mafiose,e non in una Commissione  che avrebbe dovuto garantire a tutti la medesima visibilità ,la medesima opportunità di esprimersi durante il successivo congresso di un Partito che sin dal nome dovrebbero essere chiare : Partito Democratico. La nota di Antonio De Feo scriveva così : ” il commissario Cennamo non ha certo bisogno  di consigli,è uomo di di partito,navigato e scaltro,che conosce bene dinamiche e persone e sa capire che,spesso,dietro al detto non detto ci sono le intenzioni nascoste,velatamente votate votate al bene del Partito e palesemente di parte. A dire il vero ,tutti conosciamo vita,morte e miracoli ,di un partito che fatica ,non poco,a fare i conti con la realtà e sappiamo raccontare parti di verità e verità in parti,al fine di intestarci i risultati politici positivi e di imputare ad altri le malefatte. Di fronte a tutte queste verità,dette e non dette,c’è una certezza,una sola certezza.  Questa federazione provinciale,con fatica e sacrificio,con un lavoro certosino e spesso pericolosamente boicottato,ha una sola,grande e inevitabile certezza :il tesseramento 2018. Non esiste nessun’altra certezza,frutto non delle logiche di parte,ma figlia di un lavoro vicino alla verità. Infatti il tesseramento 2018 per la prima volta ci restituisce una realtà che almeno nei numeri ,è in linea con il d dato nazionale. Per la prima volta,infatti,anche ad Avellino il tesseramento non ha riservato colpi di scena,nessun ufficio postale costretto ad aprire di notte,nessuna fila nei circoli e non più tessere che voti nelle urne. Si riparta da qui. L’unica certezza di questo partito ad Avellino è e resta il tesseramento,che ha tra l’altro,eletto il segretario regionale e il segretario nazionale (Nicola Zingaretti ,n.d.r.). Nessuno potrà lamentare assalti alla diligenza o esclusioni scientifiche ,perché il tesseramento è stato fatto quando nessuno immaginava lo scenario che si è palesato in queste settimane. Chi è stato ed è del PD lo sa. Il resto è malafede.” Tutto il virgolettato è esattamente quanto riportato nella nota ufficiale del Partito ed il tutto riferito al tesseramento del 2018,lo stesso che ha poi portato Zingaretti  a diventare segretario del PD e potenzialmente premier di coalizione,considerato la sfiducia ricevuta dal premier Conte da parte della Lega di Salvini. Una domanda ora vi pongo a tutti voi : ma siete così sicuri di dare ad un partito di codesto genere le chiavi della vostra casa,le chiavi vostra cassetta di sicurezza,il vostro futuro ad un Partito del genere ? A voi la risposta. Il riferimento al miracolo è tutto qui.

Aldo A.

 

4 commenti su “Il miracolo di Matteo Salvini”

  1. Forza Italia vuole giocare in due tavoli : Con la Lega di Salvini e Fratelli d’Italia da una parte,l’ammucchiata con il PD. La strategia dei due forni di democristiana memoria.

  2. La Carfagna,e non solo,ha ricevuto dal PD dal fratello del Commissario Montalbano di passare armi e bagagli da loro. Pare che frequentare Arcore non convenga più di tanto.

  3. Un altro miracolo di Matteo Salvini ? Quello dell’aver destato dalla pennichella il presidente Mattarella. Cosa di per sé non facile. Ora dovrà compiere di fare un ulteriore miracolo,quello di far prendere una decisione,che non sia sotto dettatura,al solito Pennichella Mattarella. Ci riuscirà? Forse che si o forse che no. E nell’ombra qualcuno si sta preparando con il maialino e relativo condimento.

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.