IL GLOBAL DOMINANCE GROUP.

Buonasera,

200 cospiratori contro il mondo all’interno del Global Dominance Group
Autore marceellopamioPubblicato 30 maggio 2018
FacebookApre in una nuova finestraWhatsAppApre in una nuova finestraTwitterApre in una nuova finestraGoogle+Apre in una nuova finestraCondividi

di Peter Phillips

La classe dirigente degli Stati Uniti è oggi dominata da un gruppo neo-conservatore di circa 200 persone che condividono l’obbiettivo comune di imporre sul mondo il potere militare statunitense. Questo Global Dominance Group (Gruppo per il dominio Globale), in cooperazione con le maggiori industrie di appalti militari, è diventato una potente forza nei processi di unilateralismo militare e nelle faccende politiche americane.
Una lunga serie di ricerche sociologiche, documenta l’esistenza di una classe dirigente predominante negli Stati Uniti che stabilisce le linee politiche nazionali e ne determina le priorità. C. Wright Mills, nel suo libro del 1956 sull’elite al potere, ha documentato come la Seconda Guerra Mondiale abbia condensato una terna di poteri degli Stati Uniti, costituita dalle elite aziendali, militari e governative, in una struttura di potere centralizzata, che agisce all’unisono attraverso “alti circoli” di contatto e consenso.

I Neo-conservatori che promuovono il controllo militare mondiale da parte degli Stati Uniti sono adesso nelle posizioni politiche di comando, tramite questi alti circoli. Il magazine Adbusters ha riassunto le posizioni neo-conservatrici come: “La convinzione che la Democrazia , anche se difettosa, è difesa al meglio da un popolo ignorante gonfiato di nazionalismo e religione. Solo uno stato nazionalista militante può impedire l’aggressione umana. Un tale nazionalismo richiede una minaccia esterna e se questa non c’è la si deve fabbricare.”
Nel 1992, durante il primo mandato di Bush, Dick Cheney appoggiò Lewis Libby e Paul Wolfowitz che produssero la relazione “Guida alla Pianificazione della Difesa” (“Defense Planning Guidance”), che propugnava il dominio militare degli Stati Uniti sul mondo all’interno di un “nuovo ordine”. La relazione chiedeva che gli Stati Uniti accrescessero la superiorità militare e che prevenissero il sorgere di nuovi rivali a sfidarli sul palcoscenico mondiale.

Al termine dell’amministrazione Clinton, i propugnatori del dominio globale diedero vita al Progetto per un Nuovo Secolo Americano – Project for a New American Century (PNAC). Tra i fondatori del PNAC c’erano otto persone affiliate con il primo fornitore della difesa, Lockheed-Martin, e altri sette collegati al terzo fornitore, Northrop Grumman. Dei venticinque fondatori del PNAC, dodici furono in seguito nominati a posizioni di alto livello all’interno dell’amministrazione Bush.
Nel settembre del 2000, il PNAC produsse una relazione di 76 pagine dal titolo Rebuilding America’s Defenses: Strategy, Forces and Resources for a New Century. La relazione, analoga a quella del 1992, richiedeva la protezione della Casa Americana, l’abilità di intraprendere più teatri di guerra simultanei, l’assunzione di ruoli di polizia globali, e il controllo dello spazio e dell’informazione elettronica (cyberspace). Affermava che gli anni ’90 erano stati una decade di trascuratezza verso la difesa e che gli USA dovevano aumentare le spese militari per conservare la leadership geopolitica Americana nel ruolo di superpotenza mondiale. La relazione riconosceva inoltre che: “il processo di trasformazione sarà probabilmente lungo, in assenza di qualche evento catastrofico e catalizzante quale una nuova Pearl Harbor”. Gli eventi dell’11 settembre 2001 sono stati esattamente la catastrofe che gli autori di Rebuilding America’ Defenses teorizzavano essere necessari per accelerare un programma di dominio globale. La permanente guerra al terrore che ne è risultata ha condotto a massicce spese per la difesa da parte del governo, l’invasione di due nazioni, e minacce ad altre tre, e la rapida accelerazione dei piani neo-conservatori per il controllo militare del mondo.

Oggi gli Stati Uniti spendono per la difesa quanto tutto il resto del mondo assieme. Il budget del Pentagono per acquistare nuovi armamenti è cresciuto da 61 miliardi di dollari del 2001 a più di 80 miliardi nel 2004. Nello stesso periodo, le vendite della Lockheed Martin sono aumentate di oltre il 30%, con decine di miliardi di dollari nel registro ordini degli acquisti futuri. Dal 2000 al 2004, il valore delle azioni Lockheed Martin è salito del 300%. La Northrup-Grumann ha subito una crescita analoga con i contratti del Dipartimento per la Difesa lievitati da $3.2 miliardi di dollari nel 2001 fino agli 11,1 miliardi del 2004. La Halliburton , di cui Dick Cheney è stato CEO in precedenza, aveva contratti con la difesa per 427 milioni nel 2001. Nel 2003, il valore dei contratti era salito a 4.3 miliardi, e di questi circa un terzo sono stati assegnati senza gara d’appalto.
Oggi, all’inizio del 2006 l ‘agenda del Global Dominance Group è ben introdotta all’interno degli alti circoli politici e resa operativa in modo astuto all’interno del Governo USA. Lavorano mano nella mano con i fornitori della difesa, promuovendo lo spiegarsi delle forze militari su oltre 700 basi su tutto il globo.
C’è una differenza importante tra l’auto-difesa dai pericoli esterni e la convinzione nel controllo totale del mondo. Se glielo si chiede, la maggioranza delle persone in USA ha seri dubbi sull’accettabilità morale e pratica di finanziare la dominazione del mondo.
Peter Phillips è un professore di Sociologia all’Università di Sonoma State e direttore del Project Censored a media research organization.
Per un approfondimento dell’agenda del Global Dominance Group vedere: http://www.projectcensored.org/

Un commento su “IL GLOBAL DOMINANCE GROUP.”

  1. Gli Continuano,e continueranno, a “produrre” guerre poiché la ” produzione” ha un senso soltanto davanti ad un’impennata della richiesta che può essere dovuta ad una (presunta o vera) aggressione.Se non ce n’è di vere allora bisogna crearne di nuove valide. Come i virus e vaccini. La paura, percepita o vera, farà il resto. C’è poi una terza opzione, quella del cieco sordomuto, detto anche della “bandiera bianca” . Dove il popolo smette di lottare davanti ad una classe politica vigliacca o venduta. Questa è la fase che da anni stiamo vivendo e cui abbiamo riscontro dalla sottomissione verso Bruxelles al soldo franco-prussiano,FMI e le 3-4 sorelle , secondo posologia del ricatto. Gli USA dopo 2 guerre mondiali ci vede come il LORO parco giochi : EUROLANDIA.. Buona pennichella a tutti.

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.