FOLLIE DELLE CLONAZIONI,VOGLIONO CLONARE RENZI.

Follie della clonazione: vogliono copiare Renzi!

AutoremarceellopamioPubblicato29 Agosto 2018FacebookApre in una nuova finestraWhatsAppApre in una nuova finestraTwitterApre in una nuova finestraGoogle+Apre in una nuova finestraCondividi


Marcello

La Scienza sappiamo non essere democratica, almeno così ci continuano a dire in tivù i «Muppet BusinesShow» del Sistema.
Quando però si tirano in ballo i soldi, tanti soldi, allora la Scienza diventa molto democratica.
Strano comportamento, vero?
Con 100.000 dollari. Poco importa se sei nero, bianco o giallo, gay o un pornoattore, se voti destra o sinistra, se fai vaccinare o meno tuo figlio, perché con quel gruzzolo puoi clonare il tuo animale preferito. Cosa c’è di più democratico di questo?
Hai un cane, un gatto, un pitone rosa o un’iguana in casa a cui sei affezionato? No problem, se cacci la grana te ne riproducono in laboratorio la copia genetica esatta, gene più, gene meno.

Dalla pecora al gregge
Sono passati 22 anni dalla famosa pecora Dolly, il primo mammifero clonato al mondo.
Al Roslin Institute in Scozia hanno dovuto usare 277 embrioni dei quali solo 29 sono cresciuti a sufficienza per essere impiantati nell’utero, e di questi uno ha attecchito generando la pecora.
Tutti conoscono la pecora, ma la sua triste esistenza non è nota a tutti: visse 6 “lunghi” anni pregni di atroci sofferenze; nel 2002 infatti a seguito di un’artrite che la torturava e una malattia polmonare incurabile (ignota) morì o forse venne soppressa.
Ecco l’epilogo “normale” che tocca a tutti gli animali clonati: si chiama invecchiamento precoce e i grandi luminari del codice della Vita lo devono ancora risolvere. Sembra quasi che sia la stessa Natura a voler mettere fine ad un tale abominio nel minor tempo possibile.
Oggi però – Dio e Natura a parte – il business più florido riguarda la clonazione dei cani.
Poco importa se andranno buttati nel cesso centinaia di embrioni ogni volta, come pure non interessa nemmeno dell’invecchiamento precoce onnipresente, perchè «business is business».
Montagne di soldi sommergono queste cosette.

La Sooam Biotech Research Foundation (http://en.sooam.com/about/sub01.html) di Seul è la prima azienda al mondo che fornisce un servizio di questo tipo ai suoi ricchi clienti: clona l’amico a quattro zampe. Secondo dati ufficiali nel 2009 ha clonato ben più di 1000 cani.
L’operazione è semplicissima (per modo di dire) e in due passaggi si fa tutto: basta fornire entro 5 giorni dalla morte dell’amico peloso, dei pezzetti di DNA, ed eseguire un bonifico di 100.000 dollari. Soprattutto questo ultimo è basilare per il risultato.
C’è chi, come ad esempio la cantante-attrice Barbra Streisand, non ha atteso la morte della sua amata cagnetta Samantha e l’ha fatta clonare, per sicurezza due volte. Oltre a Samantha ora si porta a spasso nella cesta pure Miss Violet e Miss Scarlett.


La Streisand ha avuto lo sconto e ha sborsato solo 50.000 dollari a clone, forse il personaggio famoso porta pubblicità indiretta alla società coreana, però poi si è un po’ lamentata dei risultati perché i cloni «di carattere non le somigliano», intendeva a Samantha.
Forse l’età della cantante le sta giocando brutti scherzi: pensare solo lontanamente che il clone del tuo cane sia identico in tutto e per tutto all’originale denota una visione della vita materialistica e assai limitata.
Quello che questa pseudoscienza allo sbando può fare in laboratorio è copiare un essere a livello cellulare, cioè riprodurre né più né meno come una fotocopiatrice una pagina della Divina Commedia. Il risultato fisico è identico, la pagina è uguale, ma il contenuto di quella pagina, le emozioni che Dante provava quando l’ha scritta e le emozioni che suscita in chi la legge non potranno mai essere copiate da nessuno.
Riescono a clonare un animale, ma non potranno mai e poi mai copiare il carattere, le emozioni, le esperienze (belle o brutte che siano), i traumi e tutto il suo vissuto, tutto il corredo spirituale non visibile e quindi non materiale.
D’altronde cosa ci si può aspettare da una scienza privata completamente dell’etica e della morale?
Una scienza totalmente disumanizzante gestita dalle industrie e portata avanti a parole dai pupazzi del Muppet BusinesShow….

Clonare macachi e uomo?
Questa pratica purtroppo si sta diffondendo, e oltre ai cani stanno clonando pure i primati.
Lo scorso gennaio la «Chinese Academy of Science Institute of Neuroscience» di Shanghai ha clonato i primi macachi: due femmine chiamate, con la straordinaria fantasia che contraddistingue i cinesi, Zhong Zhong e Hua Hua.
Il motivo degli esperimenti è presto detto: i macachi hanno un corredo genetico simile a quello dell’uomo per il 98%, quindi studiandoli si aprirebbero delle prospettive incredibili per la ricerca biomedica.
Culturalmente fermi al medioevo: la scienza continua col parallelismo tra «modello animale» e «modello umano», nonostante le differenze siano abissali e incolmabili.
Stiamo perdendo tempo e milioni di vite umane, perché la scienza e la ricerca medica sono concentrate sulla differenza più o meno minima nel numero dei geni tra l’uomo e l’animale, e questo nonostante le bastonate che la Natura continua a rifilare all’uomo da laboratorio.
Il corredo genetico umano per esempio sarebbe composto da 31.780 geni secondo il «Progetto Genoma Umano», quindi molto meno dei 100.000 che pensavano all’inizio.
Non solo, il lombrico per esempio ha 19.900 geni e la pianta «Arabidopsis» ne possiede quasi 26.000.
Il topo ha appena 300 geni meno di noi.[1] E allora? Possiamo dire che il topo e l’uomo hanno qualcosa da spartire? Si può seriamente pensare e scientificamente sostenere che la risposta ad una molecola chimica, da parte di un ratto nato e cresciuto in una gabbia (magari geneticamente modificato per sviluppare un cancro) sia uguale a quella di un bambino o di un adulto umano? Solo un malato di mente potrebbe continuare a sostenere questa farloccaggine, e purtroppo l’attuale scienza, quella non democratica, è basata proprio su questo gravissimo errore metodologico.
Cosa faranno se i camici bianchi scopriranno che il corredo genetico di una piattola (da “pilu pubico”) è di circa 30.000 geni? Useranno un nuovo «modello piattola-umana» per sconfiggere il cancro?
Infine dove mettiamo il carattere, le esperienze e gli aspetti psicologici-emotivi e spirituali dell’essere umano? Esattamente quelle cose che i fallimenti della clonazione stanno portando alla luce, ma che nessuno vuole far vedere…

Clonazione umana
Molti si stanno chiedendo: quando toccherà all’uomo?
Anche se ufficialmente la clonazione umana è vietata, chi è in grado di controllare cosa stanno combinando nei laboratori superprotetti?
Lo scenario che si apre ricorda molto da vicino la fantascienza portata sul grande schermo da film come «Alien la clonazione» (1997), «Il Sesto giorno» (2000), «The Island» (2005), «Non lasciarmi» (2010), «Never let me go» (2010) e altri.
Corpi fatti crescere in batteria come serbatoi per organi biologicamente e geneticamente uguali senza problemi di rigetto. Corpi vuoti, privi di coscienza, memorie, emozioni ed esperienze.
Un mercato di organi dal valore illimitato.
Prospettiva inquietante: cosa potrà mai accadere in Italia se qualche laboratorio avesse già fatto clonare personaggi come Matteo Renzi, riempiendo freezer sotterranei con le copie dell’attore toscano e pronti per rimetterlo in campo? In questo, unico nel suo genere, sarebbe possibile sostituire il senatore con il clone neutro, vuoto cerebralmente e spiritualmente, e nessuno si accorgerebbe della differenza…

Un commento su “FOLLIE DELLE CLONAZIONI,VOGLIONO CLONARE RENZI.”

  1. Una umanità di tanti Renzi imporrebbe una drammatica domanda : Chi governerebbe con INTELLIGENZA questo stato alla deriva,meglio conosciuta come Italia ? Lo so, c’è Piero…

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.