BILL GATES E GSK SI COMPRANO……

Bill Gates e GSK si comprano l’Università di Siena?

Marcello Pamio

Il filantropo nonché neo-eugenetista Henry William Gates III, meglio noto come Bill Gates, patron della Microsoft e fondatore assieme alla moglie della Fondazione «Bill and Melissa Gates», ha appena donato la modica cifra di 1 milione e 600 mila euro all’Università di Siena per finanziare il Master in Vaccinologia.
Ufficialmente sono soldi “donati” per supportare medici e ricercatori provenienti dai Paesi in via di sviluppo che potranno così frequentare le lezioni alla prestigiosa università senese per tre mesi.
I giovani laureati potranno così specializzarsi «in un percorso di altissimo livello, con docenti internazionali, per diffondere la ricerca e la prevenzione in quei Paesi del mondo dove c’è ancora grande bisogno di programmi sostenibili di immunizzazione e accesso tempestivo a vaccini sicuri ed efficaci». [1]

Niente da dire sulla donazione, la cosa interessante sarebbe sapere quale sia il vero motivo per cui la Fondazione ha scelto l’università di Siena tra tutti gli atenei e le eccellenze italiane! Per caso c’è lo zampino anche in questo caso della GSK?
Dico questo perché il capoluogo toscano è oramai il cuore pulsante del business vaccinale firmato by Glaxo: a Rosia – vicino Siena – infatti, la multinazionale britannica ha inaugurato presso il nuovo “polo mondiale di produzione dei vaccini“, un centro controllo qualità hi-tech, che permetterà di ridurre drasticamente i tempi e il numero dei controlli sui vaccini.
Dico questo anche perché, stando ai dati dell’EFPIA (European Federation of Pharmaceutical Industries and Associations) del Codice sulla trasparenza delle industrie del farmaco, l’Università di Siena, bisogna dirlo, ha un gran bel culo, perché ha ricevuto dalla GSK negli ultimi tre anni la bellezza di 236.000 euro, così distribuiti:

  • nel 2015 ben 28.800 euro (per corrispettivi)
  • nel 2016 ben 69.273 euro (di cui 46.886 per donazioni e 22.200 per corrispettivi)
  • nel 2017 ben 138.204 euro (di cui 21.000 per corrispettivi e 138.204 per donazioni)

Soltanto negli ultimi 3 anni, all’Università di Siena sono piovuti centinaia di migliaia di euro donati dalla principale multinazionale al mondo che sforna vaccini. Non è un po’ strano? Possiamo veramente credere che la Glaxo doni soldi senza chiedere nulla in cambio?
E infine, finanziare un master nell’università abbondantemente finanziata dalla Glaxo, e nella cui stessa città ha sede il fulcro del business vaccinale, non servirà forse ad incentivare le nuove leve in camice bianco allo spaccio di vaccini nei paesi in via di sviluppo?

[1] «Vaccini: da Bill Gates maxi finanziamento all’Università di Siena» https://www.lanazione.it/siena/cronaca/vaccini-bill-gates-master-universita-1.4543496/amp

 

Un commento su “BILL GATES E GSK SI COMPRANO……”

  1. Siena è stata designata quale polo di sviluppo di vaccini e medicinali. Fanno parte anche Arezzo e Firenze ma per peculiarità diverse. Tutto e’ nato con la Lorenzin e continuato con la grillina.

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.