APOLOGIA DEL “BUCO FRONTALE”

Apologia del «buco frontale»

AutoremarceellopamioPubblicato25 Agosto 2018FacebookApre in una nuova finestraWhatsAppApre in una nuova finestraTwitterApre in una nuova finestraGoogle+Apre in una nuova finestraCondividi

Marcello Pamio 

Bernarda, fagiana, farfallina, fica, fessa, fregna, gnocca, micia, mona, paciana, passera, patacca, patata, patonza, pertugio, prugnetta, sorca, topa, vulva…e chi più ne ha più ne metta. 

Stiamo parlando, se qualcuno ancora non lo ha capito, della vagina: «luogo di piacere e fonte di vita», nonché «centro anatomico femminile e attrazione irresistibile per il maschio fino a farsi sineddoche stessa della donna (che figa!)»[1].
Ebbene, tutti questi colorati sinonimi dovranno sparire dall’enciclopedia Treccani(dove sono state presi molti dei nomignoli riportati sopra) e dal Dizionario della lingua italiana.
Il motivo è che il termine «vagina» non sarebbe «gender-inclusive», ovvero non rappresenterebbe tutte le identità e tutti i generi sessuali, pertanto non va bene.

Ecco la nuova tendenza diffusa da «Healthline», un importante provider californiano fondato dal dottor James Norman, medico endocrinologo.[2]
Al posto di vagina, sarebbe opportuno utilizzare un termine più neutro e versatile, per esempio consigliano «front hole», cioè «buco anteriore».[3]
Era ora che qualcuno dicesse basta alla «vagina»! Oramai è una parola desueta e strausata dalle femministe degli anni Settanta (assieme all’«utero»). Hanno finalmente compreso che il termine «vagina» esercita una violenza inaudita, una coercizione insopportabile sulle povere persone con «disforia sessuale» o «non cis-gender» (quelle in cui identità e genere sessuale coincidono) o «fluide» o «trans» o fuori dal binarismo sessuale maschio/femmina.
L’alternativa proposta del «buco anteriore», come era da immaginarsi, sta già riscuotendo successo nella comunità sempre più in crescita LGBTQIA (lesbian, gay, bisexual, transgender, queer, intersex e asexual).

La provocazione riportata dal portale deve avere però scatenato le ira delle persone con ancora un encefalo funzionante dentro la scatola cranica, perché il 21 agosto 2018 il team editoriale di Healthline è intervenuto pubblicando un articolo chiaramente sulla difensiva, mettendo le mani avanti fin dal titolo: «We’re not renaming the vagina», «Non stiamo rinominando la vagina».
Scrivono infatti che nella «Guida sicura al sesso» della LGBTQIA, usano «sia il ‘buco anteriore’ che la ‘vagina’. Il ‘buco frontale’ è uno dei numerosi termini accettati per i genitali che utilizziamo specificamente per alcuni membri della comunità trans che si identificano con esso. In nessun caso in questa guida stiamo dicendo che vogliamo sostituire la parola vagina».[4]
Tirare il sasso e nascondere la mano rientra nella strategia di propaganda.
Ne parlano, innescano il dibattito e lo scontro… ma intanto la «Finestra di Overton» si spalanca…

Dalla Neolingua al rimodellamento dell’uomo
Per capire il motivo di queste aberrazioni linguistiche può aiutare la lettura del romanzo «1984», il capolavoro di George Orwell.
L’idea di «neolingua» descritta da Orwell è infatti esemplare.
La neolingua ha uno scopo preciso: eliminare ogni tipo di pensiero diverso da quello del Regime (personificato dal partito principale Socing) e restringere al massimo la sfera d’azione del pensiero.
Il Regime, come strumento di controllo mentale e sociale, ha creato la neolingua: una forma di comunicazione ridotta all’osso, ma ricchissima di abbreviazioni e neologismi.
Così facendo anno dopo anno i vocaboli si riducono sempre più per lasciare posto ad altri più consoni al Sistema…

«Fine della Neolingua non era soltanto quello di fornire un mezzo di espressione per la concezione del mondo e per le abitudini mentali proprie ai seguaci del Socing, ma soprattutto di rendere impossibile ogni altra forma di pensiero».

E’ inquietante se pensiamo che la lingua, con la sua ricchezza di vocaboli, permette di forgiare l’intera visione del mondo! Quindi non è così strano assistere alla soppressione di significati eterodossi.
La soppressione è infatti uno dei cardini della neolingua.
Qualche esempio? Termini come «padre» e «madre», «mamma» e «papà», violando i diritti della comunità LGBTQIA (non rispetterebbero le nuove realtà familiari) sono sostituiti con i più neutri «genitore 1» e «genitore 2».
Tale modifica è già diventata realtà: nel sito del Ministero dell’Interno (in tantissimi altri siti istituzionali) sui moduli per la carta d’identità elettronica era riportato “genitore 1” e “genitore 2”. Per fortuna il ministro Matteo Salvini è intervenuto facendo modificare il sito web e ripristinando la definizione “madre” e “padre”.[5]
Ora si vuole sostituire la «vagina» con il più neutro «buco frontale», ecc.
Attenzione che le modifiche alla lingua NON sono delle banali provocazioni, ma modificazioni che agiscono ad un livello più profondo della forma, quello della semantica. Ciò che viene a mancare non è tanto la parola, ma il significato ad essa associato.[6]
Per assaporare il senso di quanto detto, di come le parole vengono modificate e create per uno scopo ben preciso, la lettura della «Guida sicura al sesso» pubblicata da Healthline è magistrale.

Guida sicura al sesso
La Guida al sesso descrive il consenso, le malattie trasmissibili sessualmente, i vari tipi di sessualità, i metodi di protezione (profilattici, ecc.) e dulcis in fundo quelle che sarebbero le differenze di identità di genere e gli orientamenti sessuali.

Ecco l’elenco di identità di genere («Gender Identity»). Occhio alla neolingua…

Cisgender
Parola usata per descrivere qualcuno la cui identità di genere è la stessa del sesso che è stato loro assegnato alla nascita.

Trans
Termine generico che spesso include chiunque possa identificarsi come transgender (un’identità di genere che descrive qualcuno che non si identifica esclusivamente con il sesso che gli è stato assegnato alla nascita), genderqueer, nonbinary, transfemminile, transmasculine, agender e molti altri. Proprio come le persone cisgender, le persone che si identificano come trans possono avere qualsiasi orientamento sessuale: etero, gay, bisessuale, queer, lesbico o asessuale.

Genderqueer
Si tratta di un’identità di genere usata da persone che fanno cose che sono al di fuori della norma del loro genere reale o percepito. A volte questa etichetta si sovrappone all’etichetta dell’orientamento sessuale.

Nonbinary
E’ un’etichetta di identità di genere che descrive coloro che non si identificano esclusivamente come maschi o femmine. Ciò significa che una persona «non binaria» può identificarsi come maschio e femmina, parzialmente maschile, parzialmente femminile, né maschio né femmina. Alcune persone non binarie si identificano come trans, mentre altre no.

Transfeminine
Termine generico usato per descrivere qualcuno che è stato assegnato maschio alla nascita e si identifica con la femminilità. Qualcuno che si identifica come transfemminile può anche identificarsi come donna trans o donna.

Transmasculine
E’ un’identità di genere che descrive qualcuno che è stato assegnato alla femmina alla nascita, ma si identifica con la mascolinità. Qualcuno che si identifica come transmascolino può anche identificarsi come un uomo trans, una donna trans o un maschio.

Agender
Parola usata per descrivere coloro che non si identificano con alcun genere o che non possono riferirsi a termini o etichette di genere. A volte le persone assumono che coloro che si identificano come agitatori si identificano anche come asessuati, ma questo non è vero. Gli agender possono avere qualsiasi orientamento sessuale.

Lentamente stanno inserendo nella lingua di uso comune vocaboli e termini che fino a qualche anno fa avrebbero trovato posto solo nei romanzi di fantascienza.
Ecco l’elenco degli orientamenti sessuali («Sexual Orientations»), sempre pubblicato nella Guida.

Eterosessuale
E’ un orientamento sessuale per descrivere l’attrazione fisica, emotiva e sessuale di persone che hanno un genere diverso dal loro.

Gay
E’ un orientamento sessuale per descrivere una persona che è emotivamente, romanticamente o sessualmente attratta da persone dello stesso sesso e talvolta usata da una persona che si identifica come uomo e che è attratto da altri uomini.

Lesbica
E’ un orientamento sessuale per descrivere una persona che si identifica come donna e che è emotivamente o sessualmente attratta da altre donne.

Bisessuale
E’ un orientamento sessuale per descrivere una persona che è emotivamente o sessualmente attratta da due o più generi; spesso significava attrazione per le persone con il proprio genere e altri generi.

Queer (Strano)
E’ un orientamento sessuale per descrivere una persona i cui sentimenti di attrazione emotiva o sessuale non si adattano a categorie predeterminate.

Asessuale
E’ un orientamento sessuale per descrivere una persona che non sperimenta l’attrazione o il desiderio sessuale verso altre persone, ma può provare un’attrazione romantica.

Pansessuale
E’ un orientamento sessuale usato per descrivere una persona che è emotivamente o sessualmente attratta dalle persone indipendentemente dal sesso

Conclusione
A breve non potremo più parlare se non attraverso la neolingua.
Con la scusa dei diritti e delle libertà, stanno modificando irreversibilmente il «genio» della lingua e l’antropologia dell’uomo.
Spariscono parole come «papà» e «mamma», perché offensive nei confronti di lesbiche e gay; spariscono la festa della mamma e del papà perché offensive ai bambini privi di genitori o con due “mamme” lesbiche o due “papà” gay e via dicendo. Gli esempi purtroppo sono numerosi.
Qual è lo scopo? Si chiama omologazione globale: vogliono cancellare le differenze, le diversità per renderci tutti uguali. Demolire le identità sociali, religiose, politiche, culturali e ovviamente sessuali.
Questo avverrà attraverso la distruzione del concetto stesso di famiglia, perché questa strana e antiquata istituzione è un ostacolo enorme ai loro progetti. Un uomo privo di valori e senza punti di riferimento, per esempio la famiglia, è un uomo facilmente manipolabile.

Ricordiamo che un bambino, per crescere e diventare un adulto sano e libero, ha bisogno di DUE figure ben precise: la madre (l’uovo) e il padre (il seme). Questi due ruoli, con tutte le difficoltà dei casi, con tutte le discordanze e i condizionamenti che possiamo criticare all’infinito, da sempre sono state le due figure basilari, il modello da trasmettere e che verrà emulato a loro volta dai bambini.
In natura la prole viene partorita e nutrita da una madre e protetta da un padre.
La dicotomia maschile/femminile è sempre esistita e sempre esisterà: Luna (madre) / Sole (padre); Terra (madre) / Cielo (padre), ecc.
Sta avvenendo la distruzione completa dell’essere uomo, partendo dalle fondamenta della famiglia stessa, e arrivando a tutti gli altri ambiti (spirituale, culturale, economico, ecc.).
Un uomo privo di storia e di cultura è un uomo che non conosce il passato e non sa cosa aspettarsi nel futuro, quindi non può vivere bene il presente.[7]
Un uomo scollegato dalla propria vera e unica origine, i mondi spirituali, è un uomo che vive una falsa esistenza proiettata nella materia e per la materia, gestito e manipolato da forze molto basse…
In tutto questo bailamme, associazioni molto potenti come LGBTQIA ci sguazzano e giocano un ruolo cruciale.

Verrebbe a questo punto la tentazione di mandarli tutti a fare in culo, ma poi la neolingua che mi ha infettato il DNA me lo impedisce, perché usando male il «culo» che rappresenta uno degli “strumenti” principi per alcune categorie, si potrebbe offendere la suscettibilità di qualcuno o viceversa suscitare strani pensieri… Per cui non mi rimane altro che mandarli a fare un saltino nel «foro posteriore»…

[1] «La mia apologia della vagina», http://www.lintellettualedissidente.it/non-categorizzato/la-mia-apologia-della-vagina/

[2] «Non chiamatela vagina, è discriminatorio! Meglio “buco anteriore”», Simonetta Sciandivasci, www.ilfoglio.it/societa/2018/08/22/news/non-chiamatela-vagina-e-discriminatorio-meglio-buco-anteriore-210601/

[3] Idem

[4] https://www.healthline.com/health/lgbtqia-safe-sex-guide/response#1

[5] «Salvini: ‘Ora basta con genitore 1 e 2. Ho ripristinato padre e madre’», www.ilgiornale.it/news/politica/ora-basta-genitore-1-e-2-ho-ripristinato-padre-e-madre-1563767.html

[6] «La neolingua in 1984: una riflessione», Maria Fiorella Suozzo –  10 maggio 2017, www.lacooltura.com/2017/05/la-neolingua-in-1984-una-riflessione/

[7] «L’ideologia Gender e la distruzione della famiglia», Marcello Pamio https://disinformazione.it/2018/05/28/lideologia-gender-e-la-distruzione-della-famiglia/FacebookApre in una nuova finestraWhatsAppApre in una nuova finestraTwitterApre in una nuova finestraGoogle+Apre in una nuova finestraCondividiPubblicato25 Agosto 2018AutoremarceellopamioCategorieBambiniControlloNWOTagassociazione lgbtbambini,dirittifigagayguida al sessohealthlinelesbicalesbicheLGBTQIAneolinguaorwell 1984patata,sessovagina

Un commento su “APOLOGIA DEL “BUCO FRONTALE””

  1. A me che sono un uomo che ama la gnocca a denominazione di origine controllata mi aspetta l’annullamento delle mie pulsioni mediante castrazione chimica o mentale tramite lobotomia ? Oppure diverremo una specie protetta in un qualche zoosafari ?Meglio morire trom…copula do e’ più elegante. E per voi cosa risulta migliore ?

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.