VAXXED,CENSURA E ANCORA CENSURA.

buongiorno,
VAXXED: CENSURA E ANCORA CENSURA
Marcello Pamio – 4 aprile 2017
Ennesimo caso di censura.
La proiezione del documentario Vaxxed prevista per mercoledì 5 aprile 2017 a Padova è stata impedita dal Comune.
Si sono mobilitati l’assessore Luca Coletto, il direttore della Ulss Euganea di Padova Domenico Scibetta e addirittura il Magnifico Rettore dell’Università patavina Rosario Rizzuto.
Se non bastasse perfino una sedicente associazione di studenti di sinistra vicini al Pd ha denunciato che ostacolerà con ogni mezzo la proiezione. Poveri noi: siamo arrivati al punto che dei giovani di sinistra lavorano inconsapevolmente per quel Sistema che a parole combattono.
Se al posto di Vaxxed avessero proiettato il documentario di Totò Riina dal titolo “Stato è Mafia” non si sarebbe scomodato nessuno, ma in questo caso era d’obbligo calare la scure dell’inquisizione.
L’affares vaccini è così importante e scomodo che sul Gazzettino gli è stata dedicata la prima pagina.
Tutti gli intervistati sono concordi nell’impedire la proiezione in quanto trattasi di disinformazione pura, come ha sottolineato il dottor Scibetta, mentre per il Rettore si sta facendo “un passo indietro”. Certo, mentre censurare la cultura significa fare tanti passi avanti, vero Rettore?
Mentre per l’assessore alla sanità Luca Coletto “la sua proiezione non è un’iniziativa di libertà, ma uno sfregio al buon senso”. Anche in questo caso sarebbe interessante sapere cosa intende per libertà l’assessore.
Stiamo parlando di persone che non l’hanno neppure visto il documentario in oggetto, come dichiara candidamente il Magnifico Rizzuto! Ma si permettono lo stesso di criticare e giudicare.
Ma se si tratta di aria fritta, di mera fantasia qual è il motivo per impedirne la proiezione? Se sono tutte fandonie perché mobilitarsi così celermente a poche ore dalla proiezione?
La caccia alle streghe continua e qui in Italia la situazione è a dir poco vergognosa. Per non parlare dei media sempre proni al regime, tutti schierati per il mono-pensiero dettato dall’alto, dettato da chi ha il potere.
È sempre più il momento di far sentire la nostra voce, manifestare al Sistema che non siamo sudditi, non siamo cerebralmente piatti, ma siamo persone in grado di pensare in maniera autonoma e soprattutto con senso critico.
Non è in base ad un documentario che un genitore evita di vaccinare il proprio figlio. E’ una presa di coscienza – spesso anche molto sofferta nella stessa famiglia – che si sviluppa su più livelli, proprio per l’enorme responsabilità che ci si prende: di mezzo c’è la salute di una piccola creatura. Quindi non è una decisione banale ma si matura dopo essersi informati in maniera adeguata e soprattutto completa.
Se di informazione dobbiamo parlare: qual è il livello di conoscenza e di informazione media dei genitori che a scatola chiusa – perché qualcuno ha deciso il giorno e l’ora dell’appuntamento – e senza porsi delle domande, portano il loro bambino a inoculare sostanze che non conoscono per malattie che conoscono ancora meno?
Un documentario non può certo creare problemi sociali o sanitari, a meno che le cose raccontate non diano per caso fastidio a qualcuno o a qualcosa…
Per cui diamo un segnale chiaro e forte perché il momento è maturo prima che si manifesti e si realizzi nella sua totalità il Grande Fratello orwelliano.
Se oggi non è possibile vedere un documentario in un cinema a pagamento cosa accadrà nei prossimi anni? Dove stanno andando tutte le nostre libertà?
Vaxxed da così fastidio da essere censurato e boicottato ma le amenità, i turpiloqui e le offese all’intelligenza possono venire costantemente veicolate dai mezzi di comunicazione di massa, in primis la tv.
Questo è politicamente corretto, tutto il resto va censurato.
VERGOGNA!!!!

2 commenti su “VAXXED,CENSURA E ANCORA CENSURA.”

  1. Mi sono informato ed o fatta mia una , la sesta,domanda posta dal Diario di un medico: ” E’ evitabile la presenza di nano particolato e metalli pesanti?” . Se è possibile che in un vaccino sia presente del metallo pesante perchè non mettere della polvere di bulloni nella minestrina di un neonato? In fondo quante volte ci hanno detto i medici ” il bambino ha carenza di ferro” ? E noi subito in farmacia a comprarlo pagandolo una mostruosità rispetto al costo commerciale comprensivo di produzione e distribuzione.
    MarcelloPamio ha ragione quando grida alla vergogna, quando la censura scatta su un documentario/documento che riguarda TUTTI e quindi è IMPORTANTE fare chiarezza, non fosse altro che la LIBERTA’ DI ESPRESSIONE, la LIBERTA’ DI PENSARLA DIVERSAMENTE. In Italia NON si deve MAI PARLAR MALE di 2 ARGOMENTI: DEL COMUNISMO E DEL PENSIERO UNICO.

  2. Alla fine l’hanno risolta nell’unico modo che conoscono pur di asservire le multinazionali della salute o della morte che dir si voglia.Da Il Giornale di 3 ore fa:” Vaccini obbligatori a scuola. A rischio la patria potestà
    Senza profilassi da 0 a 6 anni: niente iscrizione a nido e materna. Genitori denunciati al Tribunale dei minori.” Ed ancora :” ‘L’obbligo va da 0 a 16 anni ma si esplica in modo diverso,puntualizza la Lorenzin.Da 0 a 6 anni, in caso di mancato rispetto dell’obbligo, il bambino non entra a scuola, né al nido né alla materna. Dai 6 ai 16 anni invece l’avvenuta vaccinazione dovrà essere certificata al momento dell’iscrizione. Si potrà anche attestare di essere in lista di attesa per alcune vaccinazioni’.
    In caso di mancata vaccinazione, prosegue il ministro, ‘il dirigente scolastico dovrà effettuare immediatamente la segnalazione alla Asl che a sua volta convocherà i genitori ai quali verrà un concesso un periodo di tempo per vaccinare il figlio’. Al preside che dovesse trascurare questo dovere, non segnalando i casi di bimbi non vaccinati, verrà imputato il reato di omissione di atti di ufficio.”
    RIEPILOGHIAMO : LA VACCINAZIONE E’ RESA OBBLIGATORIA PER EVITARE CHE I NON VACCINATI RENDANO VANI GLI SFORZI DELLO STATO PER GARANTIRE LA NOSTRA SALUTE FISICA ( OD ECONOMICA DELLE MULTINAZIONALI FARMACEUTICHE?) .E COME LA METTIAMO CON TUTTI QUEI CLANDESTINI CHE UNA VOLTA LASCIATI LIBERI DI CIRCOLARE SENZA VERI CONTROLLI,E VENENDO DA LUOGHI AD ALTISSIMO RISCHIO SANITARIO, SONO PORTATORI DI QUELLE E DI ALTRI VIRUS BEN PIU’ GRAVI? PER LORO NON ESISTE L’EFFETTO GREGGE? OPPURE DOBBIAMO CREDERE,ED IO SONO UNO DI QUESTI, CHE SI E’ USATO LO SPAVENTAPASSERI SANITARIO PER RICOMPENSARE COLORO CHE L’HANNO VOLUTA (RICONFERMATA) MINISTRO DELLA SALUTE?

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.