VACCINO E MORTE

buonasera,
tanto per capire….

Morta dopo il vaccino, sorella e nipote: “Pronte a fare causa alla ditta del farmaco”
Il caso del decesso di Dolorina Atzori, 72 anni. “Prima dell’antinfluenzale lei stava bene: cosa è successo in una settimana?”
di Nicoletta Tempera
San Lazzaro (Bologna): Patrizia Bernardi, nipote di Dolorina Atzori, morta dopo il vaccino San Lazzaro (Bologna): Patrizia Bernardi, nipote di Dolorina Atzori, morta dopo il vaccino
CONTENUTI CORRELATI
Anziana morta dopo il vaccino anti-influenza, i Nas all’ospedale Sant’Orsola
Anziana muore dopo il vaccino anti-influenzale: “E’ stata subito male”

Bologna, 2 dicembre 2014 – Arrabbiata, scossa, addolorata. E soprattutto in cerca di una risposta. Felicita Atzori, sorella di Dolorina, la donna di 72 anni di San Lazzaro che, dopo essersi sottoposta a vaccino lunedì, è morta domenica al Sant’Orsola, ha appena parlato con i carabinieri del Nas. I militari, dopo essere andati anche dal medico generico delle due sorelle, la dottoressa Laura Baraldini, ieri intorno a mezzogiorno hanno fatto visita a Felicita.

«Mi hanno chiesto di ripercorrere quello che è successo, di raccontare loro quello che è accaduto durante questa settimana, dopo che lunedì sia io che Dolorina siamo state dal medico per farci somministrare il vaccino», spiega la donna, ancora molto scossa. «Mi hanno chiesto – continua – anche la ricetta con i farmaci prescritti a mia sorella dai medici del pronto soccorso del Sant’Orsola, dove siamo andate dopo che lei si era sentita male. Nella confusione di questi giorni, però, non l’ho trovata, non so dove sia finita». La signora Felicita è certa di una cosa: «Prima del vaccino, prima di lunedì, mia sorella stava bene, stava come sto io adesso. E in una settimana è morta. Cos’è successo?».

La nipote di Dolorina, Patrizia Bernardi, è tornata a San Lazzaro per sostenere la madre Felicita in questo momento così delicato. «Non sappiamo cosa sia accaduto. Speriamo che almeno l’autopsia riesca a chiarire cosa ha portato la zia alla morte – spiega la donna –. Ancora noi non abbiamo fatto denuncia, perché aspettiamo di capire se si tratti, come pensiamo, di una reazione inaspettata e tragica al vaccino (che mia zia si faceva ogni anno) o altro. Qualora questa convinzione venga supportata da elementi oggettivi, allora siamo pronte a rivalerci contro la ditta produttrice del farmaco. Mia zia era affetta da diabete, ma era una donna del tutto autosufficiente, viveva da sola e stava bene».

Lunedì scorso alle due sorelle è stato somministrato il vaccino, che non è stato prodotto dalla Novartis, i cui lotti di ‘Fluad’ sono stati ritirati a seguito di alcune morti sospette. La mattina dopo, i primi sintomi: Dolorina è gonfia, coperta di puntini rossi. Viene accompagnata al pronto soccorso, dove le fanno un’iniezione e le prescrivono una pomata e delle pillole. Malgrado la cura, l’ex bidella non migliora. La famiglia si rivolge allora al medico di base. «La dottoressa non poteva venire – dice ancora Felicita – e ha mandato una sua assistente. Poi ci siamo rivolti alla guardia medica. Ma la situazione era ormai precipitata».

di Nicoletta Tempera

decidete voi,da parte mia è da tanto tempo che ho deciso.
saluti

Avete un’opinione a riguardo? Che ne pensate? Fatecelo sapere nei commenti!

Rispondi