VACCINI,I DATI AIFA SULLE REAZIONI AVVERSE.

buonasera,
VACCINI: I DATI AIFA SULLE REAZIONI AVVERSE!!!
Marcello Pamio II – 30 maggio 2017

“Ripetete una bugia cento, mille, un milione di volte e diventerà una verità”.
Joseph Goebbels, Ministro della Propaganda nazista

I vaccini sono sicurissimi. Ecco la bugia che viene ripetuta fino alla nausea.
Accendi la tv, la radio o apri un giornale e tutti gli esperti intervistati dai media – dai vari virologi massoni ai primari ospedalieri pagati dalle industrie – mentono sapendo di mentire.
Il livello cerebrale medio è così basso e ibernato che nessuno batte più ciglio per le affermazioni antiscientifiche per non dire folli che vengono veicolate.
L’ultima dichiarazione in ordine cronologico è quella del dottor Giorgio Palù, presidente della società europea di virologia. Egli ha candidamente affermato in una intervista a Il Mattino che “le vaccinazioni non vengono fatte tutte assieme. Un bambino a tre mesi possiede già un sistema immunitario efficiente per rispondere allo stimolo. All’interno di questi 12 vaccini sono contenuti poco più di 20 componenti antigeniche purificate. Basti pensare che durante un pasto quotidiano siamo esposti a più di mille antigeni diversi”.

Quando l’ho letto non sapevo se ridere o piangere. Ho optato per la stesura di questo articolo.
Evitiamo di commentare l’affermazione risibile che un neonato di tre mesi “ha un sistema immunitario efficiente”. Si commenta da sola la profonda e pericolosa mancanza di conoscenza.
Innanzitutto questo medico dà per scontato che il decreto Lorenzin-Boschi-Fedeli sia stato firmato dal presidente della Repubblica e poi dal Parlamento. Cosa che non è ancora accaduta, pertanto al momento attuale a settembre non cambierà assolutamente nulla! Facendo così però si mantengono volutamente nel panico e nel caos genitori e istituti scolastici. Questi ultimi, per non saper né leggere né scrivere inviano comunicazioni ufficiali ai genitori con la richiesta a settembre di portare il libretto vaccinale in regola con le nuove disposizioni. Non possono farlo!

Ma la cosa sconvolgente e raccapricciante è che secondo il Palù i “vaccini sono meno pericolosi di un pasto quotidiano”. Chiaro? Quindi attenzione che il piatto di pasta con le verdure che state mangiando può essere più pericoloso di un vaccino trivalente o esavalente che sia!
Se l’ordine dei medici fosse quella istituzione che non è, e cioè seria moralmente e scientificamente, dovrebbe richiamare questo medico per poi radiarlo.
Un medico che pubblicamente paragona gli effetti collaterali di un pasto con quelli di un vaccino contenente più di 20 antigeni e vari adiuvanti tossici (formaldeide, idrossido di alluminio, antibiotici, cellule di feti abortiti, ecc.), iniettato nel corpo di un neonato di pochi mesi è da denunciare.
A tutti quei genitori di bambini che hanno purtroppo subito un danno più o meno grave dopo la somministrazione di vaccini dovremo semplicemente dire loro che non è stato il farmaco inoculato ma probabilmente il cibo mangiato quel giorno!

I VACCINI SONO SICURISSIMI
Veniamo al mantra e a coloro che continuano a fare queste affermazioni. Mentono sapendo di mentire! Oppure ignorano i dati scientifici, per cui è ancora più grave.
I dati esistono e sono forniti direttamente dall’AIFA, l’Agenzia italiana del Farmaco.
“Il Rapporto sulla sorveglianza postmarketing dei vaccini in Italia”, anno 2013 è illuminante.
Attenzione: tenendo conto che solo un dieci per cento circa degli effetti avversi viene segnalato, i dati riportati dall’AIFA sono fortemente in ribasso.
Ma nonostante questo nel 2013 risultano circa 3727 reazioni avverse a vaccini!
Solo in Veneto ne abbiamo avute 1233.
Molto interessante è la distribuzione delle segnalazioni in base all’età.

– Meno di 1 mese: 3 (0,1%);
– Da 1 mese a meno di 2 anni: 2341 (62,3%);
– Da 2 a 11 anni: 571 (15,3%);
– Da 12 a 17 anni: 177 (4,7%);
– Da 18 a 64 anni: 406 (10,9%);
– Oltre i 65 anni: 229 (6,1%)

Quindi, come era logico, il numero maggiore degli effetti avversi dei vaccini avviene in età pediatrica, quando il bambino è più sensibile: sotto i 2 anni di vita.

Ecco le segnalazioni per gravità:
– Decessi: 8 (0,2%);
– Gravi: 433 (11,6%)
– Non gravi: 3128 (83,9%)
– Non indicato: 158 (4,2%)

Nel 2013 otto persone sono morte a seguito dell’inoculo vaccinale e oltre 400 hanno subito un danno grave. Ma nessun problema: secondo il Palù non sono stati i vaccini ma i pasti che queste persone hanno mangiato!
Il capitolo «Segnalazioni di sospette reazioni avverse: dati 2013 per tipologia di vaccino» suddivide i danni per tipologia vaccinale.

VACCINI ESAVALENTI
Le segnalazioni di eventi avversi nel 2013 sono state 1343 con un tasso pari a 90 ogni 100.000 dosi vendute. Le reazioni gravi sono state 141.

– Patologie alla sede di somministrazione: 82,1%
– Disturbi psichiatrici: 23,3%
– Patologie sistema nervoso: 16,8%
– Patologie gastrointestinali: 6,9%

Sarebbe di interesse generale sapere cosa intendono gli esperti dell’AIFA per “disturbi psichiatrici” e del “sistema nervoso”, visto che raggiungono un inquietante 40% delle segnalazioni di reazioni avverse.

VACCINI TRIVALENTE E TETRAVALENTE
Le segnalazioni di eventi avversi nel 2013 sono state 429. Le reazioni gravi sono state 141.

– Patologie alla sede di somministrazione: 86,2%
– Patologie sistema nervoso: 13%
– Patologie gastrointestinali: 9,8%
– Disturbi psichiatrici: 2,4%

VACCINI ANTI PNEUMOCOCCICA
Le segnalazioni di eventi avversi nel 2013 sono state 1381. Le reazioni gravi sono state 143.

– Patologie alla sede di somministrazione: 81,3%
– Disturbi psichiatrici: 23,7%
– Patologie sistema nervoso: 16,5%
– Patologie gastrointestinali: 7,4%

VACCINI ANTI MENINGOCOCCICA
Le segnalazioni di eventi avversi nel 2013 sono state 328. Le reazioni gravi sono state 43.

– Patologie alla sede di somministrazione: 77%
– Patologie sistema nervoso: 18%

VACCINI MPR (anti morbillo, parotite, rosolia) E VARICELLA
Le segnalazioni di eventi avversi nel 2013 sono state 1108 e riguardano essenzialmente i vaccini trivalenti MPR Priorix e M-M-R-VaxPro da soli (37%) o in co-somministrazione con i due vaccini contro la varicella Varivax e Varilrix (30%), e il tetravalente MPRV Priorix Tetra (29%).
Qui casca l’asino della farmacovigilanza perché i dati non tornano.
Ecco la Tabella 21 sulla «Distribuzione delle segnalazioni per i diversi tipi di vaccino».

Ecco le segnalazioni gravi riportate:

– PRIORIX: 506 (8,1%)
– MMRVaxPro: 215 (16,3%)
– Varivax: 96 (5,6%)
– Varilrix: 289 (8,7%)
– Priorix Tetra: 319 (16,9%)

Il totale quindi delle segnalazioni gravi sono: 1425. Numero che supera però il totale (1108) di tutti gli eventi avversi segnalati dall’AIFA nel 2013. Quindi qualcosa non torna…

Distribuzione delle segnalazioni del vaccino PRIORIX
– Patologie alla sede di somministrazione: 78,3%
– Disturbi psichiatrici: 18,6%
– Patologie sistema nervoso: 10,5%
– Patologie gastrointestinali: 6,9%

Distribuzione delle segnalazioni del vaccino MMRVAXPRO
– Patologie alla sede di somministrazione: 75,5%
– Patologie sistema nervoso: 13%
– Patologie gastrointestinali: 10,7%
– Disturbi psichiatrici: 7,9%

Distribuzione delle segnalazioni del vaccino PRIORIX tetra
– Patologie alla sede di somministrazione: 84,6%
– Disturbi psichiatrici: 21,3%
– Patologie sistema nervoso: 16%
– Patologie gastrointestinali: 6,3%

CODACONS E I DATI AIFA MANCANTI…
Caro Palù se ne faccia una ragione: i vaccini non sono sicuri e a dirlo non è un gruppo di quelli che voi chiamate no-vax, ma i dati di farmacovigilanza dell’AIFA, che sicuramente lei non ha letto. Posso capire che leggere un documento di 555 pagine sia impegnativo, ma prima di fare affermazioni assurde s’informi adeguatamente.
Il Codacons ha denunciato la ministra Beatrice Lorenzin perché non avrebbe tenuto conto dei gravi dati riportati nel Rapporto dell’AIFA, pur essendo a conoscenza dal 10 maggio.
Per tale azione legale va un plauso al Codacons.
Per ottenere dall’AIFA (ente pubblico) i dati mancanti, il Codacons ha dovuto fare denuncia.
Questo ha fatto partire un’inchiesta della Procura della Repubblica di Torino.
Quindi l’ultimo Rapporto AIFA sui danni vaccinali è quello riportato in questo articolo ed è fermo al 2013, da allora non sono stati più pubblicati dati di farmacovigilanza. Un buco di ben 3 anni.
I numeri che il Codacons è riuscito a tirare fuori dall’AIFA non lasciano spazio a dubbi: le reazioni avverse ai vaccini sarebbero 21.658 negli anni 2014, 2015 e 2016.
Di queste 454 gravi e addirittura 5 decessi (neonati prematuri vaccinati a 2 mesi e mezzo/3 con Infanrix e Prevnar: 2 in Piemonte, 1 in Lombardia, 1 in Sicilia e 1 in Basilicata).
La tragedia non finisce qua, perché dal 2005 al 2015, in soli 10 anni vi è stato un aumento del 40% in più di bambini con deficit del neurosviluppo!
Ma ricordate che i vaccini sono i farmaci più sicuri al mondo…

6 commenti su “VACCINI,I DATI AIFA SULLE REAZIONI AVVERSE.”

  1. Di due l’una: o sono pazzi scatenati oppure al soldo delle case farmaceutiche. Leggendo l’articolo sembrava un bollettino di guerra eppure al popolo bue viene fatto credere che i vaccini sono sicuri. Provate a passare nel mezzo di un conflitto a fuoco nel mentre sparano con un mitra. Più o meno le stesse percentuali con i vaccini.

  2. Il sottoscritto le malattie dell’infanzia le ha fatte tutte.Non me ne è scappata una che sia una.Non sono mai morto per il morbillo o altro.Non capisco tutta questa bramosia di vaccinare i bambini a tutti i costi.Lasciategliele fare che una volta fatte queste malattie procurano indennità naturale.D’accordo per il vaiolo o l’antitetanica,ma qui si sta esagerando.Per lavoro ho girato il mondo per 40 anni.Di vaccini ne ho fatti parecchi.Solamente per andare in Nigeria,paese disastrato,di vaccini ne ho fatti 7,meningite compresa.D’accordo,la le malattie sono endemiche e fanno strage,e se non ti tuteli rischi grosso.Ammetto questi vaccini,ma non lo ammetto per le malattie infantili.Qui si stanno facendo tutte le porcate possibili ed immaginabili,parlano di togliere la patria podestà ai genitori,parlano di carcere,parlano di multe…Stiamo scherzando?Il trio Fedeli,Lorenzin Boschi-quest’ultima si dia da fare per restituire i denari truffati dalla sua banca ai correntisti-sono da incarcerare.I danni con le loro leggi ai piccoli li hanno già fatti.I morti ci sono scappati,ma imperterrite continuano nei loro misfatti.E nessuno fa niente.
    Cordialità.

    1. La cosa grave è che loro sono consapevoli di tutto questo mail loro sponsor elettorale vuole sempre di più. Come nel caso delle vaccinazioni spot dei gemellini Lorenzin.

  3. Da oggi la Bond in gonnella,la Lorenzin,ha la licenza di uccidere e di non pagarne le conseguenze. E poi cosa si deve intendere per vaccini “sicuri” ? Della “garanzia” chi ne risponde praticamente, ovvero legalmente,ovvero della qualità della vita dell’individuo/bambino ? Ad oggi praticamente nessuno. Neanche la Lorenzin che firma il provvedimento.

    1. Vero.Un amico.purtroppo colpito da cirrosi epatica,quindi altro caso esente da quanto viene trattato in questo blog,ma esaustivo per quanto riguarda le responsabilità,è in causa con l’ospedale per il fatto che una decina di anni fa venne sottoposto ad una trasfusione di sangue infetto.L’ospedale,per bocca dei suoi avvocati ha già messo le mani da tempo avanti per pararsi il culo…Ha detto e messo a verbale che questa persona ha un tatuaggio.Quindi sono 8 anni che va avanti con questa causa,ahimè persa in quanto gli rimangono solamente 3 mesi di vita.A parte questo caso,chi non me lo dice che questi lerci bastardi in caso di morte da vaccino non adottino la stessa tattica?Ci si prende la responsabilità nel caso di decesso di un vaccinato?

      1. Quando “va bene” alla vittima paga lo stato, cioè noi. E le case farmaceutiche con la loro sperimentazione vera o presunta? Qualcuno direbbe ” l’è tutto da rifare!! “

Rispondi