TUMORI ALLA TIROIDE,fino al 90% diagnosi superflue.

buonasera,

Tumori della tiroide, fino al 90% di diagnosi «superflue»
di Vera Martinella – Il Corriere della Sera – 12 settembre 2016

Casi in crescita, ma una quota che varia tra il 50 e il 90% dei casi viene catalogata dagli esperti come «sovradiagnosi»: sono carcinomi piccoli, innocui, che non vanno curati

Non c’è un’epidemia di tumori della tiroide e il «boom» di casi che si registra da anni (i casi sono cresciuti di oltre il 200% nell’ultimo ventennio) è un falso problema.
Oltre la metà dei carcinomi tiroidei scoperti ogni anno nelle donne occidentali, infatti, non necessita di alcun trattamento. Sono, nella stragrande maggioranza dei casi, micro-tumori scarsamente aggressivi, tanto che una quantità compresa tra il 50 e il 90% viene catalogata dagli esperti come «sovradiagnosi», o diagnosi in eccesso: si tratta cioè di neoplasie che hanno ben poche probabilità di creare problemi di salute alle interessate e ancor minore è l’eventualità che ne causino il decesso.
A sottolineare il problema è un’indagine da poco pubblicata sul New England Journal of Medicine da ricercatori dell’Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro (Iarc) con sede a Lione e dell’Istituto Nazionale Tumori CRO di Aviano, in provincia di Pordenone.

Oltre 16mila nuovi casi diagnosticati ogni anno in Italia
Gli studiosi hanno usato nella loro recente analisi i dati dei registri tumori di 12 Paesi: Australia, Danimarca, Inghilterra, Finlandia, Francia, Italia, Giappone, Norvegia, Corea, Scozia, Svezia e Stati Uniti. «Paesi come Usa, Italia e Francia hanno tassi maggiori di sovradiagnosi dovuti all’introduzione e all’ampia diffusione, dagli anni Ottanta in poi, dell’ecografia – spiega Salvatore Vaccarella, autore principale dello studio. E lo stesso è avvenuto recentemente nella Repubblica Coreana, dove il carcinoma tiroideo è diventato il cancro più frequente nel sesso femminile, ma nel 90% dei casi identificati tra il 2003 e il 2007 si tratta di sovradiagnosi».
La percentuale di «diagnosi eccessive» identificata nelle donne varia tra il 70-80 per cento di Australia, Francia, Italia e Usa al 50 per cento del Giappone e dei Paesi del nord Europa, fino al 90 della Corea. Stime simili riguardano gli uomini, fra i quali però il carcinoma tiroideo è molto meno frequente: degli oltre 16.000 nuovi casi annui nel nostro Paese, poco più di 4.000 riguardano i maschi e i restanti 12.000 le femmine.

Aghi aspirati, biopsie e terapie solo a chi ne ha bisogno
In totale si stima che nei 12 Paesi, nell’ultimo ventennio, almeno 470.000 donne e 90.000 uomini abbiano ricevuto una diagnosi «inutile». L’aumento di carcinomi tiroidei è dovuto, sottolineano gli esperti, a più frequenti screening nella popolazione, all’ampio uso di ecografie, Tac e risonanze magnetiche eseguiti per altri scopi. In pratica, esami e controlli prescritti spesso per altre patologie (come l’ecocolordoppler per la valutazione dei vasi sanguigni sovra-aortici) hanno portato a scoprire un elevatissimo numero di carcinomi piccoli, indolenti, non letali, che sono peraltro assai comuni fra gli adulti, tanto che le stime più recenti rilevano la presenza di almeno un nodulo in una persona adulta su tre. «È fondamentale che alle diagnosi in eccesso non corrispondano altrettanti trattamenti superflui o persino nocivi, come l’asportazione totale della ghiandola tiroidea o cicli di radioterapia – sottolinea Silvia Franceschi, un’altra autrice dello studio. Aghi aspirati, biopsie e terapie vanno riservati soltanto a chi ne ha davvero bisogno», tenendo presente che la maggioranza dei noduli benigni e asintomatici tenuti sotto controllo per cinque anni si dimostra alla fine non pericolosa, le loro dimensioni non aumentano (semmai diminuiscono) e le diagnosi di cancro sono rare.

“La fabbrica dei malati” di Marcello Pamio

Un commento su “TUMORI ALLA TIROIDE,fino al 90% diagnosi superflue.”

  1. la fabbrica dei malati ha bisogno di sempre nuovi clienti,di sempre nuovi “ammalati” da immettere nella catena di montaggio.Dal portale medico di famiglia allo specialista sino ai centri diagnostici, sino alle riviste non specializzate con relativo angolo della posta con medico incorporato.Il circo mediatico non deve essere interrotto, un ciclo da miliardi di euro sulla nostra pelle.

Rispondi