LEGGETE E DECIDETE

Buonasera,
queste sono pubblicazioni da leggere,uno dei tanti esempi di soprusi che ci propinano.

Abbiamo trovato tantissime informazioni sulla tossicità dell’aspartame sul sito

http://www.dorway.com

da quando – circa un mese fa – affrontammo il tema per la prima volta.

Vista l’assoluta dannosità di questa sostanza e dei dolcificanti e degli alimenti “dietetici” che la contengono, riteniamo importante diffondere queste informazioni. La scelta è stata quella di tradurre un’articolo di Mark Gold, che illustra non solo i meccanismi della tossicità dell’aspartame ma anche qualche retroscena sulla sua approvazione da parte dell’FDA, ente americano che non sembra poi cos“ imparziale come si suol credere dalle nostre parti.

La Leva

=============================================================

Aspartame… la scomoda verità!
Articolo a cura di: Mark Gold [email protected]
(ricercatore su questi temi per ben venti anni)

L’ aspartame non é stato approvato per l’utilizzo negli alimenti fino al 1981. Per oltre otto anni la FDA (Food and Drug Administration – Amministrazione degli Alimenti e dei Medicinali) ha rifiutato di approvare l’uso dell’aspartame a causa delle convulsioni e dei tumori al cervello che questa sostanza ha provocato negli animali da laboratorio. L’FDA ha continuato a rifiutare di approvarlo fino a che il presidente Reagan non prendesse la carica (era molto amico della G. D. Searle – adesso Monsanto) e licenziasse il commissario della FDA che aveva negato l’approvazione dell’aspartame. Successivamente, il Dott. Arthur Hull Hayes fu nominato commissario. Ma la forte opposizione per l’approvazione di questa sostanza continuava a tal punto che venne nominata una Commisione Investigativa. Il responso della Commissione recitava cos“: “non approvare l’ aspartame”. Tuttavia il Dott. Hayes passò sopra la decisione della commissione e approvò ugualmente l’aspartame.

Poco tempo dopo aver approvato l’utilizzo dell’aspartame anche nelle bevande gassate, il commissario Arthur Hull Hayes, firmò un contratto di collaborazione con l’agenzia delle pubbliche relazioni della G.D. Searle.

Danni a lungo termine.
L’aspartame causa danni “lenti e silenziosi” in tutte quelle persone che sono cos“ sfortunate da non avere reazioni immediate e che non hanno quindi un motivo per evitarlo. Potrebbero volerci uno, cinque, dieci, quarant’anni, ma alla lunga si manifesteranno gravi problemi (alcuni reversibili e altri no) per tutte quelle persone che ne fanno uso abituale.

METANOLO (alcool metilico = veleno) (contenuto nell’aspartame almeno al 10%) Il metanolo é un veleno mortale. Alcune persone ricorderanno che il metanolo causò la morte e la cecità di molti consumatori di vino qualche anno fa. Il metanolo viene liberato gradualmente nel piccolo intestino quando il gruppo metilico dell’aspartame incontra l’enzima chimotripsina.

L’ assorbimento di metanolo nel corpo è accelerato considerevolmente quando viene ingerito metanolo libero. Il metanolo libero si forma nell’aspartame quando viene riscaldato oltre i 30¡ C. Questo avviene quando un prodotto contenente aspartame viene immagazzinato e conservato impropriamente o quando viene riscaldato (per esempio, come componente di un qualsiasi prodotto alimentare).

All’interno del corpo il metanolo si trasforma in acido formico ed in formaldeide. La formaldeide è una neurotossina mortale. Una valutazione dell’EPA (Enviromental Protection Agency – Agenzia per la protezione ambientale – USA) sul metanolo dichiara che il metanolo “viene considerato un veleno ad accumulo, grazie al bassissimo tasso di escrezione una volta assorbito. Nel corpo, il metanolo viene ossidato in formaldeide ed in acido formico; entrambi questi metaboliti sono tossici.” I ricercatori dell’EPA raccomandano un limite massimo di consumo di 7,8 mg al giorno. Un litro di bevanda dolcificata con aspartame contiene circa 56 mg di metanolo. I consumatori abituali di prodotti contenenti aspartame consumano fino a 250 mg di metanolo al giorno, 32 volte il limite massimo suggerito dall’ EPA.

I problemi da avvelenamento di metanolo maggiormente conosciuti sono i problemi relativi alla vista. La formaldeide è un agente cancerogeno ben conosciuto e causa danni alla retina, interferisce con la riproduzione del DNA e causa difetti di nascita. Data la mancanza di alcuni enzimi chiave, gli esseri umani sono molto più sensibili agli effetti tossici del metanolo rispetto agli animali. Di conseguenza, le prove sull’aspartame e sul metanolo fatte a spese degli animali da laboratorio non riflettono correttamente il pericolo per gli esseri umani. Come precisato dal Dott Woodrow C. Monte, direttore del laboratorio di Scienza degli Alimenti e della Nutrizione dell’Università di Stato dell’ Arizona, “non ci sono studi effettuati sugli umani o sui mammiferi per valutare possibili effetti mutageni, teratogenici, o cancerogeni causati dall’assunzione cronica dell’alcool metilico. ”

E’ stato precisato che i succhi di frutta e le bevande alcoliche contengono piccole quantità di metanolo. E’ importante però ricordare che il metanolo contenuto nei prodotti naturali non compare mai da solo. In ogni caso, l’etanolo è presente, solitamente in quantità superiore a quella del metanolo. L’ etanolo è un antidoto naturale per la tossicità del metanolo negli esseri umani. Le truppe americane durante la guerra del golfo furono dissetate con grandi quantità di bevande dolcificate con aspartame che erano state riscaldate oltre i 30° C dal sole dell’Arabia Saudita. Molti di loro tornarono a casa con numerosi disturbi simili a quelli riscontrati nelle persone avvelenate chimicamente dalla formaldeide. Il metanolo libero nelle bevande può essere stato uno dei fattori che hanno contribuito alla manifestazione di questi disturbi. Altri prodotti della scomposizione dell’aspartame come la dichetopiperazina (DKP), possono essere stati un’altro fattore scatenante.

In un atto del 1993 che può essere descritto soltanto come “incoscente”, l’FDA approvò l’aspartame come ingrediente in numerosi prodotti alimentari che possono venire riscaldati al di sopra dei 30¡ C.

Cosa ancora più grave, il 27 giugno 1996, senza un pubblico avviso, l’FDA ha rimosso tutte le limitazioni riguardanti l’impiego dell’aspartame permettendo cos“ il suo utilizzo in tutto, compresi gli alimenti che vengono riscaldati o cotti.

La verità circa la tossicità dell’aspartame è molto lontana e diversa da quello che la NutraSweet Company divulga e vuole far credere al pubblico. Nel febbraio del 1994, il DHHS (Department of Health and Human Services – dipartimento della salute e dei servizi umani) degli Stati Uniti ha reso pubblico l’elenco degli effetti collaterali segnalati alla FDA (DHHS 1994). L’aspartame ha rappresentato più del 75% di tutti gli effetti collaterali segnalati all’ARMS (Adverse Reaction Monitoring System – Sistema di Controllo degli Effetti Collaterali) della FDA. La stessa FDA ammette che soltanto L’UN PER CENTO di coloro che hanno dei problemi relativi alla consumazione di quello che mangiano lo comunica all’amministrazione. Questo vuol dire che i 10.000 reclami ricevuti potrebbero in realtà quantificarsi intorno al milione. Tuttavia, l’FDA ha un grosso problema nel conservare e rispondere ai reclami che gli pervengono (non hanno mai risposto alla lettera raccomandata normalmente dal WEBMASTER di questo sito internet… una delle principali vittime!) e inoltre tendono a scoraggiare qualsiasi forma di protesta. La questione è che la MAGGIOR PARTE delle vittime non hanno nessun indizio o informazione sul fatto che possa essere l’aspartame la causa di molti dei loro problemi! Molte delle reazioni fisiologiche causate dall’aspartame sono pericolosissime e vanno fino alle convulsioni e la morte.

Queste sono le reazioni e gli effetti collaterali:

dolori addominali
attacchi d’ansia
artrite
asma
reazioni asmatiche
rigonfiamento, edema (ritenzione dei liquidi)
problemi riguardanti il livello dello zucchero presente nel sangue (Ipoglicemia o Iperglicemia)
cancro al cervello (studi animali effettuati prima dell’approvazione)
difficoltà respiratorie
bruciore degli occhi e della gola
bruciore nell’urinare
difficoltà del pensiero logico
dolore alla cassa toracica
tosse cronica
affaticamento cronico
stato confusionale
morte
depressione
diarrea
capogiri
eccessiva sete o fame
affaticamento
distorsione della realtà
arrossamento del viso
perdita dei capelli (calvizie) oppure assottigliamento dei capelli
mal di testa/emicrania, capogiri
perdita della capacità uditiva
palpitazioni
orticaria
ipertensione (pressione alta)
impotenza e altri problemi sessuali
scarsa concentrazione
predisposizione alle infezioni
insonnia
irritabilità
pruriti
dolore delle giunture
laringite
annebbiamento del pensiero
accentuato cambio della personalità
perdita della memoria
problemi e cambio del ciclo mestruale
spasmi muscolari
nausea e vomito
formicolio e intorpidimento delle estremità
reazioni allergiche e simili
attacchi di panico
fobie
riduzione della memoria
aumento del battito cardiaco
reazioni cutanee
convulsioni
difficoltà di pronuncia
dolori nel deglutire
tachicardia
tremori
Tinnitus
Vertigini
perdita della vista
aumento di peso

L’aspartame peggiora o imita i sintomi delle seguenti malattie:

Fibromialgia
Artrite
Sclerosi multipla
Morbo di Parkinson
Lupus
Sensibilizzazione verso molti agenti chimici
Diabete e complicazioni diabetiche
Epilessia
Morbo di Alzheimer
Difetti di nascita
Sindrome da affaticamento cronico
Linfoma
Malattia di Lyme
Problemi di concentrazione
Attacchi di panico
Depressione e altri problemi psicologici

Come accade tutto questo:

Il metanolo, derivato dall’aspartame, viene liberato nell’intestino tenue quando il gruppo metilico dell’aspartame incontra l’enzima chimotripsina (Stegink 1984, pagina 143). Il metanolo libero comincia a formarsi quando un qualsiasi prodotto liquido che contiene aspartame viene portato ad una temperatura superiore ai 30¡ C… questo avviene naturalmente anche all’interno del corpo umano.

Il metanolo viene quindi convertito in formaldeide. La formaldeide dà luogo alla formazione di acido formico, il veleno delle formiche. L’ acido formico è tossico e viene usato come attivatore degli sverniciatori per i rivestimenti all’ uretano ed a resina epossidica. Immaginate che cosa fa ai vostri tessuti!

La fenilalanina e l’acido aspartico costituiscono il 90% dell’aspartame e questi aminoacidi, se assunti con l’alimentazione, vengono usati normalmente dal nosto organismo per la sintesi del protoplasma. Ma quando non sono accompagnati dagli altri amminoacidi che normalmente ingeriamo in un normale pasto di contenuto proteico [ne usiamo circa 20], diventano neurotossine.

Questo è il motivo per la quale troviamo, sull’etichetta dei prodotti EQUAL e su altri prodotti che contengono aspartame, l’avvertenza riguardante la Fenilchetonuria (PKU). Il 2% della popolazione soffre di questo disturbo che comporta una estrema sensibilità a questa sostanza, a meno che non derivi dall’alimentazione. Questo provoca problemi al cervello e diversi difetti di nascita! Alla fine, la fenilalanina si trasforma in DKP (dichetopiperazina), una sostanza che provoca il tumore del cervello.

In altre parole: l’aspartame si converte in sottoprodotti pericolosi per i quali non esistono contromisure naturali. Lo stomaco vuoto di una persona a dieta accelera queste conversioni e ne amplifica i danni. I componenti dell’aspartame vanno dritti al cervello, causando forti emicranie, confusione mentale, convulsioni e problemi di equilibrio. I ratti e gli altri animali usati come cavie da laboratorio sono poi morti a causa di tumori al cervello.

Malgrado le asserzioni difensive della Monsanto e di altre società:

1. Il metanolo dell’alcool e delle spremute non viene convertito in formaldeide in nessuna misura significativa. Esistono delle forti evidenze scientifiche per confermare questo fatto riguardante le bevande alcooliche e delle prove ragionevolmente fondate per le spremute.

2. La formaldeide ottenuta dal metanolo è molto tossica anche in dosaggi *bassissimi* come evidenziato da recenti ricerche scientifiche.

3. La tossicità cronica e le reazioni e danni causati dall’aspartame derivano dalla trasformazione del metanolo in formaldeide e da altri prodotti della sua metabolizzazione anche se le industrie cercano di dimostrare il contrario con delle ricerche a breve durata usando una sostanza sperimentale che è chimicamente differente e che viene assorbita diversamente rispetto alla sostanza originale che viene messa in vendita. Quasi tutti gli studi indipendenti comunque, “stranamente” indicano che l’ aspartame può causare gravi problemi di salute.

4. Una scappatoia usata comunemente dalla Monsanto è di sostenere che l’ aspartame è “sicuro” ma che tuttavia alcune persone potrebbero avere delle reazioni “allergiche”. Questo tipo di assurdità è tipica della Monsanto. I test effetuati da loro indicano che l’aspartame non causa reazioni “allergiche”. Questo è il loro modo di provare a minimizzare e nascondere le numerose e gravi reazioni tossiche che la gente sta subendo come conseguenza dell’utilizzo a lungo termine dell’aspartame.

Sommario

Date le seguenti argomentazioni, per i ricercatori diventa definitivamente prematuro scartare il ruolo del metanolo negli effetti secondari dell’ aspartame:

1. La quantità di metanolo ingerita grazie all’aspartame è senza precedenti nella storia umana. Il metanolo che si ingerisce dal succo di frutta non si avvicina neanche lontanamente alla quantità di metanolo ingerita con l’assunzione dell’aspartame, particolarmente per le persone che ingeriscono ogni giorno da uno a tre litri (o più) di bevande dietetiche. Diversamente dal metanolo che deriva dall’aspartame, il metanolo dai prodotti naturali probabilmente non viene assorbito o non viene convertito nei relativi metaboliti tossici in misura significativa come discusso precedentemente.

2. La mancanza di riscontri scientifici relativi ai cambiamenti dei livelli di acido formico e di formaldeide nel plasma non preclude che i danni siano causati da questi metaboliti tossici. I cambiamenti dei livelli spesso non si possono riscontrare se l’assunzione del metanolo avviene per un breve periodo.

3. I prodotti che contengono aspartame il più delle volte forniscono poche o nessuna delle sostanze nutritive che possano proteggere dall’avvelenamento cronico da metanolo e spesso vengono consumati fra i pasti. Le persone che ingeriscono questi prodotti per seguire una dieta a basso contenuto calorico spesso hanno delle carenze nutrizionali maggiori rispetto alle persone che bevono spremute fresche.

4. Le persone con determinati problemi di salute o che usano determinate droghe possono essere molto più suscettibili all’avvelenamento cronico del metanolo.

5. Un’avvelenamento lento dovuto all’assunzione prolungata di queste sostanze sfocierà in malattie croniche ed in effetti collaterali. Molte malattie croniche che sembrano comparire improvvisamente in realtà sono maturate gradulamente nel corpo per molti anni.

6. Un numero crescente di ricerche indica che molta gente è altamente sensibile anche a dosi bassissime di formaldeide nell’ambiente. L’ esposizione ambientale alla formaldeide e da ingestione di metanolo (che si converte in formaldeide) derivato dall’aspartame probabilmente ha un effetto cumulativo deleterio.

7. E’ stato riscontrato che l’ acido formico tende ad accumularsi lentamente in varie parti del corpo. L’ acido formico inibisce (secondo alcuni studi) il metabolismo dell’ ossigeno.

8. Un sempre maggiore numero di persone quando ingerisce dei prodotti che contengono aspartame per un periodo prolungato di tempo, mostra dei problemi cronici di salute simili agli effetti collaterali dovuti all’avvelenamento cronico da metanolo. Questo include molti casi di lesione dell’apparato visivo simili al tipo di lesione riscontrato nei casi di avvelenamento da metanolo.

Nota aggiuntiva sugli effetti tossici dell’aspartame: spesso occorrono almeno sessanta giorni senza nessuna assunzione di aspartame (NutraSweet) per vedere un miglioramento significativo. Controllare con molta attenzione tutte le etichette (comprese vitamine e prodotti farmaceutici). Cercare la parola “aspartame” sull’ etichetta ed evitarla. (evitare anche “acesulfame-k” o “sunette”). Per finire, evitare tutte quelle informazioni nutrizionali provenienti dalle organizzazioni che gestiscono le pubbliche relazioni delle industrie alimentari che producono “cibi spazzatura” come la IFIC o dalle organizzazioni che accettano finanziamenti dall’industria alimentare chimica e dei cibi spazzatura come l’Associazione Dietetica Americana.

Se siete dei consumatori di un qualsiasi prodotto contenente aspartame e avete problemi fisici, visivi, o mentali… fate una prova: evitate di assumere aspartame per 60 giorni. Se, dopo due mesi senza aspartame i vostri sintomi sono spariti, o sono diminuiti, partecipate con noi a eliminare questa neurotossina dal mercato. Scrivete una lettera alla FDA, mandando una copia a Betty Martini (per provare che l’FDA non conserva i reclami che gli pervengono). Scrivete ai vostri politici. Restituite i prodotti che contengono l’ aspartame dove li avete acquistati… e chiedete un rimborso COMPLETO. Fate un gran baccano se non vi rimborsano completamente! Convincete tutti i vostri amici, e familiari… che staranno meglio se smetteranno di usare l’aspartame… e coinvolgeteli a fare lo stesso.

L’aspartame è diventato “un dolcificante approvato” ad opera di alcune persone avide e disoneste che speculano calpestando la vita e la salute della gente. Visto che sia l’FDA che i politici sono ampiamente compromessi in questo scandalo, soltanto un pubblico INFORMATO ed ATTIVO potrà ottenere la riclassificazione di questo “additivo alimentare” in SOSTANZA TOSSICA e la sua

http://www.dorway.com

Le multinazionali non perdonano, quando si intaccano i loro interessi.
Figuriamoci dunque se potevano tollerare che la Stevia continuasse a diffondersi liberamente, prendendo sempre più piede fra tanti appassionati, come dolcificante economico e non brevettabile… E dunque, non vi agitate troppo e non disturbate la Euganea Floricoltori con le vostre richieste della pianta, perché tanto non ce l’hanno più, e hanno persino tolto la relativa pagina di notizie e ricette dal loro sito.
Abbiamo dunque indagato con diverse telefonate alla Euganea. Nel motivare l’abbandono, i diversi addetti con cui abbiamo parlato, pur gentilissimi, sono tutti stati un bel pò nebulosi o contraddittori: “c’erano poche richieste” (sic!) oppure “sì, andava bene ma non abbiamo spazio” o anche “l’importatore ha avuto una grave morìa di piante per malattia”…

Insomma, forse vi sono sotto pressioni od ostacoli che ne hanno portato all’abbandono, forse no. Assai verosimilmente è un primo successo degli interessi della grande industria chimico-farmaceutica, nella sua guerra per evitare che divenga di uso generale a discapito dei loro preziosi (e dannosi) dolcificanti sintetici. Inoltre si dice – ma dobbiamo ancora verificare – che una ditta belga ne abbia richiesto il brevetto di clonazione.
Forse queste sono solo paranoie, ma di questi tempi…

Morale, la cara piantina è purtroppo diventata assai difficile da reperire, e se nessuno fa nulla, tra breve sarà solo un bel ricordo per chi l’ha conosciuta. Le multinazionali della chimica avranno così un nemico in meno…
…e noi qualche cancro in più.

Che facciamo, rinunciamo per sempre alla Stevia?
NO!!!
Piuttosto, organizziamoci.
Nasce la “campagna Stevia libera”,
con l’aiuto di tutti i lettori!

Eccone i metodi e gli obiettivi:

cercando sulle Pagine Gialle alla voce “vivai”, chiedere urgentemente a tutti i possibili vivaisti, alla ricerca di qualcuno che ancora abbia rimanenze di Stevia, informarlo della situazione, e incoraggiarlo a riprodurla subito per talea.
informare questo sito (o altri siti interessati) della disponibilità, da comunicare a tutti tramite newsletter.
informare i vivaisti di cui sopra che la Stevia ha i suoi appassionati (tutti possibili clienti!) e che spedendola via corriere potrebbero venderne moltissime, godendo del tam-tam e della nostra pubblicità gratuita.
ogni appassionato, se può e senza impegno, potrà riprodurla per talea, e in seguito spedirà via corriere la Stevia a chi la richieda, col solo rimborso della spedizione, o anche per una piccola cifra (a sua discrezione).
in seguito (o nello stesso momento, secondo il numero delle piante reperite) partire con una azione individuale di ripopolamento delle nostre campagne (dove il clima lo consente), e naturalmente delle case!

Il tutto per la soddisfazione ideale di liberarci del giogo degli interessi delle multinazionali, almeno per la Stevia.
Vi pare poco?

La prima necessità è dunque tenere i contatti ed essere reciprocamente informati di eventuali rivenditori, di come contattare chiunque voglia regalare o vendere piantine, e così via. Niente di meglio dunque che un piccolo forum appositamente dedicato. Qui ognuno potrà inserire ciò che crede, offrire o chiedere ad altri le piante, ed anche farsi pubblicità, si intende sulla Stevia! Il webmaster di questo sito vigilerà solo per evitare per quanto possibile abusi. Allora, clicca qui sotto, e tornaci spesso per vedere se ci sono novità!

ENTRATE
nel Forum di comunicazione della
Campagna Stevia libera!

Rispondi