Il Fornaio

La discesa in campo, come direbbe silvio Berlusconi, avvenne il 26 Gennaio 1994 quando fu reso noto da un messaggio radiotelevisivo preregistrato di nove minuti, e da lui stesso inviato a tutte le emittenti radiotelevisive italiane.A distanza di due mesi dall’annuncio, il 27-28 Marzo vinse le elezioni politiche con Forza Italia . “Cotto e mangiato” direbbe una nota conduttrice di un canale generalista Mediaset. Un partito infarcito di ex dipendenti, amici e socialisti di area craxiana. I favorevoli alla sua discesa in campo, neanche fosse il discesista Herbert Plank, figuri come Marcello Dell’Utri ed Ennio Doris. Nei contrari figure di spicco come Indro Montanelli che poi lasciò per dissenso il quotidiano Il Giornale, Gianni Letta e Maurizio Costanzo che definì infelice tale scelta. Craxi, che in precedenza aveva già favorito con appositi provvedimenti legislativi la nascita della futura Mediaset, appoggiava tale scelta e, per questo segnò la propria fine politica e non solo quella.Ma chi era e quali erano le origini di Silvio Berlusconi? Semplicemente il cav per molti detrattori neanche fosse l’Innominato? In realtà poi, questo soprannome fù coniato dal giornalista Gianni Brera, che lo indicava semplicemente  con “il cavaliere” , titolo a cui ha poi rinunciato nel 2014. Berlusconi nasce a Milano nel 1936, primo dei tre figli di Luigi impiegato nella Banca Rasini e di Rosa Bossi, quando si dice il destino. Prende la maurità classica nel liceo dei salesiani per poi iscriversi alla facolta di Giurisprudenza, altro caso del destino visto i processi in cui è incorso, anche per un certo accanimento della magistratura, naturalmente democratica. Si laurea con la lode con la tesi “Aspetti giuridici del contratto pubblicitario”. Il destino, sempre il destino. Nel 1964 iniziò ufficialmente  la sua carriera di costruttore per i suoi ammiratori e di palazzinaro per i detrattori, edificando una citta modello per quattro mila abitanti di cui non riece avenderne a privati neanche uno. La fortuna o qualcosa di simile venne in suo soccorso, e riusci finalmente a piazzarla al Fondo di Previdenza dei Dirigenti Commerciali. Questo tipo di fortuna lo accompagnerà più volte nella sua vita, al punto che in moltilo toccheranno speranzosi in un miracolo a loro favorevole. Breve pausa per un’avviso di garanzia ai capelli lunghi dell’ex cavliere. In un condominio di Milano 2 nasce la tv via cavo, Tele Milano 58, che passerà presto all’etere con nome di Canale 5. Nel 1978 si affilia alla loggia massonica Propaganda 2 (P2) di Licio Gelli introdotto dal giornalista Roberto Gervaso, con la tessera 1816. A questo punto non avrà più difficoltà a ricevere crediti , in un periodo in cui le banche tenevano ben stretti i cordoni dei loro forzieri. Doveva passare ancora molta acqua sotto i ponti affinchè nascesse il Partito del Danaro, con De Benedetti Carlo tessera n. 1 del PD, che avrebbe affondato con i propri debiti non restituiti il Monte dei Paschi di Siena. Ma questa è un’altra storia, andiamo oltre. Berlusconi acquista nel 1982 Italia1 dall’editore Rusconi e nel 1984 Rete4 da Mondadori. Ora poteva combattere ad armi QUASI alla pari con la RAI che ha il canone e la pubblicità, ma è terra di conquista dei partiti ma non si può dire ne tanto meno scrivere. Berlusconi acquista il Milan Calcio nel 1986 e nel 1988 la proposta di legge del repubblicano (PRI) Mammì “fotografa” a quel momento il panorama televisivo italiano con l’attuale Mediaset e la RAI dell’odiato canone. La legge verrà poi approvata nel 1990 mettendo a riparo da ogni possibile ricatto ‘allora cavaliere di Arcore, Silvio Berlusconi. Conclusa una guerra ne inizia un’altra, ma questa volta nella carta stampata. Ancora una volta incroceranno le armi il silvio di Arcore e la futura tessera n. 1 del PD. La donzella contesa era quel mostro dell’informazione e della cultura che era diventato  il gruppo Mondadori che inglobava la quasi totalità della carta stampata. Era a rischio la libertà di informazione. Inizialmente vinse Berlusconi ma con una successiva mediazione nel 1991 lascerà alla solita tessera n. 1 del PD L’Espresso, Repubblica ed un certo numero di giornali locali. Correva l’anno 1994, l’anno della sua discesa in campo. Quindi torniamo all’inizio, ma questa volta con molte più informazioni, tante e tali da vedere un popolo, quello italiano, ostaggio di un gruppo di potere, quello che ruota attorno al PCI, che credeva di aver conquistato l’Italia con l’aiuto della magistratura di parte e la loro operazioni di “mani pulite” che poi tanto pulite proprio non erano. Breve siparietto della gioventù fascista, scusate volevo scrivere comunista e possiamo andare avanti se la prostata non cede.Il solito Berlusconi rompe le “uova” a quel che resta del PCI, ovvero il PDS, ma poi viene coinvolto in un’inchiesta su presunte tangenti alla solita GdF e la Lega Nord, come il M5S nel 2017 a Roma, perderà la testa e farà cadere il governo. Grillo non è un fesso e si tiene ben stretto le mura capitoline. Segue parata dell’Armata Rossa col pugno chiuso , altrimenti le mazzette scappano di mano. Nel frattempo il Silvio nazionale smonta il kit del balcone di Piazza Venezia e torna a meditare ad Arcore tra le mutandine a pizzo delle volontarie al sacro fuoco del Santuario di Arcore.  Prodi vince le elezioni correndo per l’Ulivo,fece anche una maratona ma videro arrivare solo il chip. Prodi vinse le elezioni volando con l’aereo e girando con i bus di Callisto Tanzi  quelllo del gran botto della Parmalat, che ha portato importanti segmenti della nostra economia in mani straniere. Ma per il momento permette agli orfani del PCI di governare l’Italia, quindi non può essere indagato ne tanto meno arrestato. Il 15 Maggio del 2001  vince le elezioni con la Casa delle Libertà e torna a fare il Presidente del Consiglio e vi rimarrà ininterrottamente sino al 2011allorquando l’Italia si ritrovò in una tempesta economica e soprattutto politica. Lo spread schizzò a livelli argentini seppure con un debito pubblico nettamente inferiore all’attuale. Motivo? La Germania e compari di merenda volevano farci fare la cura ricostituente della Troika e contestualmente lo shopping dei nostri gioielli migliori, nel silenzio assordante dei media, anche berlusconiani. La pace giudiziaria interessava a Berlusconi più di ogni alta cosa, lo tsunami era nell’aria e lui, ancora una volta avrebbe anteposto i propri interessi economici e famigliari a quelli dello stato, a quelli dell’Italia e quindi di noi tutti. I governi che dal 2013 ad oggi si sono succeduti non sono stati altro che il risultato di quanto sinora scritto, ma anche la causa di quanto ci sta accadendo ed accadrà: ll’invasione dei clandestini/migranti, e o smembramento del nostro tessuto economico e sociale. Ogni cittadino italianogira con un cartello appeso al collo: VENDESI/AFFITTASI. E di questo sono colpevoli tutti i partiti che hanno governato, si fa per dire, l’Italia. Berlusconi compreso. E la storia di lui al MC Donalds è compresa nel conto, sempre più salato, che tutti noi italiani ci ritroveremo a pagare. E’ di queste ore le prove di grandi intese, tra la sinistra nella persona di Gustavo Zagrebelsky e lo stesso ex cavaliere. La paura del Grillo ligure è tanta e la voglia di fare il nonno nel parco della villa è poca. Ogni volta riparte dai giovani che lavorano nelle sue aziende, ogni volta viene tradito, ogni volta non impara la lezione ed a pagarne il conto saranno tutti gli italiani. Evidentemente la chirurgia estetica non ringiovanisce il cervello.

Aldo A.

18 pensieri su “Il Fornaio”

  1. E’ tornato il Fornaio di Arcore, quello che è sempre lì ad impastare. Una volta promette le lasagne e ciritroviamo con la pasta alle cime di rapa, un’altr avolta parte promette il risotto allo zafferano con i gamberetti e ci ritroviamo con la pajata di romanesca memoria. E’ dal 2011 che ci ritroviamo tra governi “tecnici”, di “responsbili” e di “scopo” , un modo come un’altro per arrivare a fine legislatura e fare ls scarpetta con la salsa della pajata. A roma si dice ” quanno sè magna sè magna.Da IL Giornale di quasi le 9 di questa mattina: “Berlusconi rivede la Merkel: io argine all’eurodisfattismo.Il messaggio del Cavaliere ai leader
    riuniti per il summit del Ppe. Faccia a faccia con la cancelliera tedesca e Rajoy.” E poi :”«Io, argine all’antieuropeismo». Sarà questo il senso del messaggio che Berlusconi vorrà dare al vertice di Malta, in occasione del congresso del Ppe. Il Cavaliere sarà presente soltanto domani e non farà alcun intervento dal palco. I discorsi ufficiali li farà solo quando la Corte europea dei diritti dell’uomo di Strasburgo avrà riparato all’ingiustizia subita.”
    L’unica vera ingiustizia la stanno subendo gli italiani, mio caro cav , che a causa della tua paura di finire a Regina Celi, Rebibbia o San Vittore , mandi i tuoi scagnozzi a fare da stampella ai governi Pannolone napolitano prima e mattarello mattarella dopo. Di “responsabili” come lei ne abbiamo i palloni pieni da sembrare mongolfiere. Sia responsabile, ma per davvero, si tlga dai palloni e vada a fare il raccattapalle a Milanello. Di Fornai come lei non ne sentiamo molto la necessità. PIERO ED I NO PECORONI NON VOGLIONO IMPASTARE, VOGLIONO FARE I FATTI PER RESTITUIRE DIGNITA’ AL POPOLO SOVRANO ED UNA PROSPETTIVA DI STATO SERIO CHE PENSI AI PROPRI CITTADINI,AI PROPRI PENSIONATI, AI PROPRI GIOVANI EMIGRATI PER LAVORARE DOPO 20 DI STUDI. SONO IN POCHI QUELLI CHE COME LEI HANNO POTUTO BENEFICIARE DELL’AMICIZIA DEL GARIBALDINO BETTINO!!!

  2. Poco fa su Il Giornale, il suo giornale,il cav :” ‘Beppe Grillo è un pericolo. Dico no alle grandi alleanze’.” E poi :
    “Berlusconi: ‘I populisti non vanno snobbati. Attenti a sottovalutarli’. Sull’Europa: ‘Una seconda moneta per il rilancio’.”
    AVVISATE IL CAV CHE FORZA ITALIA SI PRESENTO COME UN MOVIMENTO CHE TRAEVA SPINTA DAL POPOLO, QUINDI POPULISTA. AVVISATE IL CAV CHE HA GOVERNATO, QUINDI PARTITO DI POTERE, FALLENDO. O FORSE RAGGIUNGENDO IL SUO UNICO E VERO OBIETTIVO: SALVARE IL PROPRIO PATRIMONIO PERSONALE !!
    L’ITALIA HA BISOGNO DI CAMBIAMENTO CHE CERTO NON PUO’ ESSERE UN’ULTRAOTTANTENNE CHE PRATICAMENTE DA 25 ANNI HA GOVERNATO,E’ STATO ALL’OPPOSIZIONE ED INFINE HA DATO QUEL CERTO NUMERO DI “TRADITORI” CHE HA PERMESSO LA DERIVA ECONOMICA E DEI CLANDESTINI DI QUEST’ULTIMI ANNI, FATTA DI INVASIONE DI CLANDESTINI, FATTA DI DISTRUZIONE DEL PATRIMONIO INDUSTRIALE, DELLA PERDITA DELL’UNICA POSSIBILITA’ CHE ABBIAMO PER RICOSTRUIRE SORA ITALIA: I NOSTRI GIOVANI DIPLOMATI E LAUREATI CHE FUGGONO ALL’ESTERO PERCHE’ LE RISORSE, TUTTO DEBITO PUBBLICO, NON VENGONO SPESI PER LORO MA PER I CALANDESTINI, PER PORTARE AVANTI QUELLA SOSTITUZIONE DI POPOLO VOLUTA DAI SOROS DEL MONDO!!! SVEGLIATEVI: QUESTO VECCHIO BAVOSO AMANTE DELLE MUTANDINE A PIZZO HA S-GOVERNATO ED HA FALLITO.CANTI LA NINNA NANNA AI NIPOTINI E NON ALLE “BAMBINE” POCO PIU’ CHE MAGGIORENNI !!!
    PIERO, E SOLO PIERO, CON I NO PECORONI SONO IL CAMBIAMENTO. GRILLO RAPPRESENTA UN MARCHIO REGISTRATO DI CUI E’IN PARTE PADRONE !!!!!

  3. Da L’Espresso :” Ecco come Silvio prepara il suo ritorno:Unire
    il centrodestra. Ma anche proporsi come indispensabile alleato del Pd.Berlusconi cerca di riaccreditarsi verso
    l’establishment. E di apparire come l’uomo della stabilità .”
    Il cavaliere mascarato vuole raggiungere 2 obiettivi che poi sono uno: Essere l’ago della bilancia politica italiana e salvare il suo “potere di acquisto” come direbbero della casalinga di Voghera. C’è un solo dubbio che mi camminare con la schiena radente il muro con l’approssimarsi del voto: con quale e quanti sedere vuole raggiungere l’obiettivo. Non crediate che cuor di leone alf-ano, verdini e la supposta parlante lorenzin, si siano avventurate in terre sconosciute senza la mappa del cavaliere mascarato…… Occhio e mutande col rinforzo e,soprattutto, fare gruppo con PIERO!!!

  4. Il cav di Arcore, in politica come nel calcio , ha fatto soltanto tante promesse pagatee dagli sponsor. Noi. La sinistra del Pinocchio di Rignano ha fatto anche di peggio: le promesse le stanno facendo ai clandestini,migranti o zingari che dir si voglia, mentre il conto, quello VERO, lo PAGHEREMO SOLTANTO DOPO IL VOTO, e sarà le EUTAUNASIA DI SORA ITALIA!!! SVEGLIATEVI PECORONI,SVEGLIATEVI, SE NON PER VOI FATELO PER I VOSTRI FIGLI E NIPOIT.SVEGLIATEVI !!!!! PIERO CON I NO PECORONI SONO QUA’ COSA VOLETE DI PIU’ SE NON L’ONESTA’ DI CHI CE LA VUOLE METTERE TUTTA? SVEGLIATEVI !!!!

  5. Il Fornaio ,attraverso la sua “pizzeria” Il Giornale ha sfornato la pizza del giorno.Sia chiaro ,il grido di allarme è reale, quello che non è affidabile è il fornaio, troppo preso a curare la propria attività e molto meno della salute,fisica oltre che economica dei propri cittadini/sudditi. Da un’articolo delle 07:51 :” I veri conti della manovra: una stangata da 40 miliardi. Dossier di Forza Italia sui numeri del
    “decretino” e Def. Scovati 21 punti critici: ‘Minestrone immangiabile.’ ” .Si và dal ” ’30-35 miliardi per il 2018′ al ‘ Le cifre spiegate dall’economista azzurro non sono quelle illustrate dal governo. Solo per rispettare l’obiettivo fissato dal governo sul deficit per il 2018 (1,2% del Pil dal 2,1% di quest’anno) servono 15 miliardi. Evitare l’aumento dell’Iva, circa 19,5, che diventano 15,2 miliardi per gli effetti della manovra correttiva. Poi il rinnovo del contratto del pubblico impiego, altri tre miliardi di euro, più gli impegni presi dal governo su Irpef e cuneo fiscale, altri sei. In tutto, mettendo anche le spese incomprimibili, ‘circa 40 miliardi di manovra lacrime e sangue che il governo dovrà varare in autunno’, spiegano le consuete slide preparate dagli economisti di Forza Italia.”
    LA COSIDDETTA DESTRA COME LA COSIDDETTA SINISTRA SEMBRANO 2 PANETTIERI CHE VOGLIONO CONVINCERCI CHE LORO E SOLTANTO LORO POSSONO RIMETTERE IN SESTO LA PANETTERIA “ITALIA”. MA POI SI SCOPRE CHE NELLA PANETTERIA DEL PUGNO CHIUSO CI SONO SOCI CHE PROVENGONO DALLA PANETTERIA DI ARCORE, CHE IN QUELLA DELLA DELLA COOP CI SONO QUELLI DEL FORNO DELLA CARITAS.IN PRATICA SI FANNO DELLA FINTA CONCORRENZA MA TENGONO ALTI I PREZZI. OVVIAMENTE A SPESE NOSTRE. LA VERITA’ E’ CHE L’ITALIA DEI GOVERNI E’ COME DEI CLOWN SU DI UNA BICICLETTA SULLA SOMMITA’DI UNA RIPIDA DISCESA: TROVI QUELLO ROSSO,QUELLO NERO E QUELLO VERDE,TROVI QUELLO CHE OCCHIEGGIA A DESSTRA COME A SINISTRA, AI CRISTIANI COME AI MUSULMANI. LORO RESTERANNO SULLA SOMMITA’, A SCHIANTARSI CONTRO IL MURO DI BUGIE E RAPINE CI SAREMO NOI.A PIEDI. PIERO E’ LA NOSTRA ULTIMA VERA POSSIBILITA’. IL PANE E’ DI BUONA QUALITA’ E NON VI SARANNO OMAGGI MA LA SEMPLICE ONESTA’ DELLO SCONTRINO.

  6. Questa mattina la figliol prodiga del cav di Arcore ha afferrmato che la vittoria della Le Pen sarebbe la vittoria della demacogia populistica. E’ evidente che lei, mentre il suo papà andava a letto con le sorelle piccole delle sue amiche compagne di scuola, lei insieme al fratello costruivano un’impero fondato sull’anticorruzione, sulla netta separazione tra la politica del padre e la loro holding. E poi vogliamo mettere come si sono scelti i soci francesi? Una bella famiglia pronta per la pubblicità di qualche biscotto , nella speranza che non venga usato in modo improrio. PIERO E SOLO PIERO PUO’ ESSERE LA NOSTRA ULTIMA POSSIBILITA’ PRIMA DI ESSERE UN POPOLO VENDUTO AI SALDI !!!!

  7. Ecco un motivo per il quale,oltre all’età, il cavaliere mascarato dovrebbe andare ai giardinetti e possibilmente senza alzare le gonne alle ragazzine. Da Il Giornale di questo pomeriggio:” Berlusconi: ‘Felice per Macron. L’Ue ora deve cambiare’.”
    MACRON PUO’ PIACERE O NON PIACERE POLITICAMENTE, PUO’ O NON PUO’ ESSERE CONSIDERATO UN FORTUNATO/INTELLIGENTE CAPACE DI MONETIZZARE LA SUA GIOVANE ETA’.TUTTO PUO’ ANDAR BENE MA DIMENTICARE CHE SINO ALL’AGOSTO 2016 ERA UN MINISTRO DELLA REPUBBLICA FRANCESE,INCARICO CHE NON ARRIVA SENZA SPONSOR ISTITUZIONALI E DEL MONDO DELL’ECONOMIA, E’ PROPRIO DA FESSI PATENTATO. SVELATO IL TALLONE DELL’ACHILLE DI ARCORE: E’ UN FESSO.UN FESSO OPPORTUNISTA CHE HA SAPUTO GESTIRE BENE L’AMICIZIA CON CRAXI MA POLITCAMENTE UN FESSO. MACRON E’ TALMENTO NUOVO CHE BLOOMBEG HA DETTO DI LUI ” MESCOLA APPREZZAMENTI ALLE RIFORME DI MERCATO CON APPELLI ALL’UNITA’ SOCIALE”. UN VERO DEMOCRISTIANO NAVIGATO E CERCHIOBBOTTISTA. SE METTIAMO CHE HA LAVORATO PER UNA BANCA D’AFFARI DEL GRUPPO ROTHSCHILD. SE QUESTO NON E’ UNO MESSO DALLE LOBBY DI POTERE…..MACROM FARA’ GLI INTERESSI DEL SISTEMA E, DA BRAVO FRANCESE,DELLA FRANCIA E NON IL SUO CONTRARIO.

  8. DA “FATTI A MISFATTI” DI LIGUORI GALA DI FORZA ITALIA NON E’ D’ACCORDO NEANCHE CON SE STESSO. DEVONO IMPARARE A MEMORIA LA POESIA “LEGGE ELETTORALE” E NON RIESCONO. CHE PENA.

  9. La badante ucraina del cavaliere di Arcore si è distratta , lui è fuggito per incontrare il suo bello Macron ma è finhito a ballare col Pinocchio di Rignano.Se son rose fioriranno. A spese nostre. Italiani ci fate o ci siete?

  10. Er sor silvio ha compreso che per sopravvivere, e sopratutto far vivere,e bene i propri figli c’è bisogno dell’inciucio: ” Silvio Berlusconi: ‘Con il Tedeschellum possiamo fermare M5S’.
    Berlusconi: ‘Il sistema elettorale tedesco può non piacere, ma quale altra soluzione sarebbe stata possibile, dopo le ripetute bocciature da parte della Consulta?’. L’ITALIA HA BISOGNO DI UNA COSTITUZIONE SERIA DOVE CHI SCEGLIE IL PREMIER SIA QUALCUNO ELETTO DAL POPOLO. NOI ADESSO ABBIAMO UN PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA ELETTO DA UN PARLAMENTO CHE IN PRATICA E’ AGGRAPPATO ALLA SEDIA, DI FATTO IL GOVERNO E’ TENUTO IN PEDI DA CHI E’ STATO ELETTO DA CHI AVEVA PROMESSO DI UCCIDERLO POLITICAMENTE. LA LORENZIN, QUELLA DEI VACCINI PER TUTTI E’ UNA DI QUESTI.ER SILVIO PELLICO DEL LETTOTIENE FAMIGLIA ALLARGATA,LUI DEGL’ITALIANI SE NE FREGA. IO VOTO QUALCUNO CHE GOVERNI E VERAMENTE L’ITALIA. PIERO C’E’ MA NOI NON CI SIAMO CON LA TESTA.

  11. ll cavaliere mascarato ha gridato ai 4 venti che il grill dal braccino corto si faceva pagate in nero. Tutto vero, anche il fatto che era lo stesso Cavaliere mascaratol a farlo. Grillo parla di legalità ,il cavaliere mascarato parla di legalità, il pinocchio di rignanoparla di legalità. Italiani se volete la legalità NEI FATTI dovete dare FIDUCIA a PIERO ed a nessun’altro.

  12. Il cavaliere mascarato si è immediatamente appropriato della vittoria di quello che loro definiscono centro-destra. Quello che il cavaliere mascarato non vuole comprendere, oppure non ha interesse che si evidenzi, che l’Italia ha l’estremo bisogno di una scossa tremenda che la scuota da questo torpore del politicamente corretto, lo stesso che ha fatto si che il cav,attraverso l’avvoltoio Monti, consegnasse il futuro di Sora Italia nelle mani di FMI,BCE e l GERMANIA della culona.

  13. Il quotidiano La verità si è posto una domanda: E se la vittoria del centrodestra avesse sparigliato l’accordo sottobanco e portare in Italia una grande coalizione con la quale contentare la UE e soprattutto i loro interessi personali? A voi la ricerca della verità. beeee a voi tutti pecoroni d’Italia.

  14. il cavaliere mascarato all’ANSA :”centrodestra sia moderato”.Con quasi 8 mila clandestini in 24 ore di sbarchi la moderazione e’ l’ultima opzione che mi viene in mente mentre la cestino rapidamente.Piero con i nopecoroni la nostra ultima possibilità prima del baratro.

  15. Il cavaliere mascarato a sorpresa Sergio Marchionne,quello della FIAT / F.C.A. . Non è che il sor silvio vuol far delocalizzare gli italiani d.o.c. ?

  16. ” #Politica NON DIMENTICHIAMO MAI CHE BERLUSCONI HA SVENDUTO L’ITALIA TRADENDO GHEDDAFI E FAVORENDO COSI’ L’INVASIONE http://nopecoroni.it
    IL CAVALIERE MASCARATO NON NE INDOVINA UNA: SI CIRCONDA DI CORTIGIANE O GIULLARI PRONTI A TRADIRLO: ALFANO E LA LORENZIN 2 CHIARI ESEMPI. LO STESSO CAVALIERE MASCARATO ERA PRONTO A FARE L’ACCORDO CON IL PINOCCHIO DI RIGNANO RENZI-NO PER UNO SBARRAMENTO IN PARLAMENTO NELLA SPERANZA NEANCHE TANTO SEGRETA DI UNA GRANDE COALIZIONE, CONSIDERATO CHE QUELLI CHE STANNO TORNANDO NEL SUO OVILE SONO GLI STESSI CHE LO HANNO “TRADITO” O SEMPLICEMENTE SI SONO SPORCATI LE MANI SU SUE PRECISE INDICAZIONI PER POI PRENDERCI GUSTO ALLA POLTRONA.

  17. “#Politica l’ultima di berlusconi,vuole premier tajani,arteriosclerosi galoppante,ricovero subito,vuole perdere http://nopecoroni.it
    Il cavaliere mascarato non può imparare dai propri errori poichè la propria superbia e tanti vassalli genuflessi lo hanno fatto sentire, e continuano a farlo, un Napoleone incompreso della politica. A spese di noi tutti italiani. Tajani se è arrivato a quel ruolo è perché porta avanti molteplici interessi nella UE ma certamente non quelli del popolo italiano. PIERO E’ L’UNICO VERO CAMBIAMENTO POSSIBILE !!!

Rispondi