GRUPPO BILDERBERG 2017

buonasera,
Gruppo Bilderberg 2017
Marcello Pamio 4 giugno 2017
Pochi giorni fa è ufficialmente finito il G7, uno dei meeting più importanti nell’ambito della politica che “conta”.
Finito il G7 ora è la volta del Gruppo Bilderberg (dal 2 al 4 giugno 2017), il meno conosciuto e più esclusivo meeting che riunisce alcune delle più influenti ed importanti personalità del mondo dell’economia, della politica e dell’alta finanza internazionale.
Ogni anno 130 invitati occupano per qualche giorno un intero albergo.
Si tratta di una vera e propria cupola potentissima composta da banchieri, manager, politici, militari e giornalisti che discuteranno su come perseverare il sistema neoliberista.
Un sistema tanto per capirci che permette a 8 persone di possedere una ricchezza pari a 426 miliardi di dollari, una somma equivalente a quella che hanno 3,6 miliardi di persone.
Stiamo parlando del gotha della plutocrazia mondiale.
Le riunioni del Bilderberg avvengono quasi sempre in Europa, l’edizione del 2017 invece si è svolta negli USA e più specificatamente a Chatilly, in Virginia.
La sede scelta è il Westfields Marriot, un hotel extralusso, già chiuso e blindato da mercoledì scorso, e dove un gruppo di giardinieri hanno per l’occasione piantato moltissimi abeti per proteggere da occhi indiscreti la privacy dei poveri invitati…
Da anni l’assoluta segretezza che contraddistingue gli incontri dell’esclusivo club ha contribuito non poco ad alimentare la fama di mistero che aleggia sull’organizzazione.
La sessione si concluderà oggi 4 giugno 2017.
All’ordine del giorno ci sono la Russia di Vladimir Putin e l’ordine internazionale, l’amministrazione di Donald Trump, la guerra dell’informazione, la Cina, la difesa dell’alleanza transatlantica, la direzione dell’Unione Europea e la crescita dei movimenti populisti.
Trump è chiaramente sgradito al Bilderberg e probabilmente si sarà discusso di come giustificare il suo impeachment.
Un indizio a tal riguardo potrebbe essere proprio la location lontana non più di una trentina di chilometri dalla Casa Bianca.
Non ci sarà per ovvi motivi David Rockefeller, visto che ha lasciato il corpo fisico quest’anno, e neppure l’attuale presidente Usa, ma al suo posto sono stati invitati l’attuale consigliere per la sicurezza nazionale, il generale H.R. McMaster, il ministro per il Commercio Usa, Wilbur Ross e il miliardario Peter Thiel, franco sostenitore di The Donald.
La presenza fissa del Club è Henry Kissinger che non è mancato nemmeno quest’anno.
Poi si è vista la presenza del leader del partito spagnolo emergente Ciudadanos, Albert Rivera, e dei membri di istituzioni internazionali come Christine Lagarde, direttrice del Fmi, nonché i big dell’universo economico come il Ceo di Ryanar, Michael O’Leary o il presidente esecutivo di Alphabet, Eric Schmidt. Presente anche in qualità di membro del board Goldman Sachs l’ex presidente della Commissione Ue, José Barroso.
Ad ogni modo il think tank tra i suoi 130 invitati annovera anche alcuni italiani.
Per la precisione nell’elenco degli invitati risultano esserci: il presidente di Fca, John Elkann; la fisica Fabiola Giannotti, direttrice del Cern; Sandro Gozi, Segretario di stato per gli affari europei, Lilli Gruber da tempo affezionato membro del club, Maurizio Molinari direttore de La Stampa e Beppe Severgnini del Corriere della Sera. Tutti con l’obbligo di rispettare la più assoluta discrezione. Giornalisti compresi. Come sia possibile professionalmente per un reporter accettare di assistere a un simile evento senza scrivere una riga, resta un mistero…

Elenco completo dei partecipanti
CHAIRMAN
Castries, Henri de (FRA), Former Chairman and CEO, AXA; President of Institut Montaigne

Achleitner, Paul M. (DEU), Chairman of the Supervisory Board, Deutsche Bank AG
Adonis, Lord Andrew (GBR), former Barclays & BBC Exec board, Chair, National Infrastructure Commission
Agius, Marcus (GBR), Chairman, PA Consulting Group
Akyol, Mustafa (TUR), Senior Visiting Fellow, Freedom Project at Wellesley College
Alstadheim, Kjetil B. (NOR), Political Editor, Dagens Næringsliv
Altman, Roger C. (USA), Founder and Senior Chairman, Evercore
Arnaut, José Luis (PRT), Managing Partner, CMS Rui Pena & Arnaut
Barroso, José M. Durão (PRT), Former EU president, Chairman, Goldman Sachs International
Bäte, Oliver (DEU), CEO, Allianz SE
Baumann, Werner (DEU), Chairman, Bayer AG
Baverez, Nicolas (FRA), Partner, Gibson, Dunn & Crutcher
Benko, René (AUT), Founder and Chairman of the Advisory Board, SIGNA Holding GmbH
Berner, Anne-Catherine (FIN), Minister of Transport and Communications
Botín, Ana P. (ESP), Executive Chairman, Banco Santander
Brandtzæg, Svein Richard (NOR), President and CEO, Norsk Hydro ASA
Brennan, John O. (USA), Senior Advisor, Kissinger Associates Inc.
Bsirske, Frank (DEU), Chairman, United Services Union
Buberl, Thomas (FRA), CEO, AXA
Bunn, M. Elaine (USA), Former Deputy Assistant Secretary of Defense
Burns, William J. (USA), President, Carnegie Endowment for International Peace
Çakiroglu, Levent (TUR), CEO, Koç Holding A.S.
Çamlibel, Cansu (TUR), Washington DC Bureau Chief, Hürriyet Newspaper
Cebrián, Juan Luis (ESP), Executive Chairman, PRISA and El País
Clemet, Kristin (NOR), CEO, Civita
Cohen, David S. (USA), Former Deputy Director, CIA
Collison, Patrick (USA), CEO, Stripe
Cotton, Tom (USA), Senator
Cui, Tiankai (CHN), Ambassador to the US
Döpfner, Mathias (DEU), CEO, Axel Springer SE
Elkann, John (ITA), Chairman, Fiat Chrysler Automobiles
Enders, Thomas (DEU), CEO, Airbus Group SE (now incorporates EADS aeropace weapons)
Federspiel, Ulrik (DNK), Group Executive, Haldor Topsøe Holding A/S
Ferguson, Jr., Roger W. (USA), President and CEO, TIAA
Ferguson, Niall (USA), Senior Fellow, Hoover Institution, Stanford University
Gianotti, Fabiola (ITA), Director General, CERN
Gozi, Sandro (ITA), State Secretary for European Affairs
Graham, Lindsey (USA), Senator
Greenberg, Evan G. (USA), Chairman and CEO, Chubb Group
Griffin, Kenneth (USA), Founder and CEO, Citadel Investment Group, LLC
Gruber, Lilli (ITA), Editor-in-Chief and Anchor “Otto e mezzo”, La7 TV
Haines, Avril D. (USA), Former Deputy National Security Advisor
Halberstadt, Victor (NLD), Professor of Economics, Leiden University
Hamers, Ralph (NLD), Chairman, ING Group
Hedegaard, Connie (DNK), Chair, KR Foundation
Hennis-Plasschaert, Jeanine (NLD), Minister of Defence, The Netherlands
Hobson, Mellody (USA), President, Ariel Investments LLC
Hoffman, Reid (USA), Co-Founder, LinkedIn and Partner, Greylock
Houghton, Nicholas (GBR), Former Chief of Defence
Ischinger, Wolfgang (INT), Chairman, Munich Security Conference
Jacobs, Kenneth M. (USA), Chairman and CEO, Lazard
Johnson, James A. (USA), Chairman, Johnson Capital Partners
Jordan, Jr., Vernon E. (USA), Senior Managing Director, Lazard Frères & Co. LLC
Karp, Alex (USA), CEO, Palantir Technologies
Kengeter, Carsten (DEU), former UBS Libor fixing mastermind, CEO, Deutsche Börse AG
Kissinger, Henry A. (USA), serial war criminal, Chairman, Kissinger Associates Inc.
Klatten, Susanne (DEU), Managing Director, SKion GmbH
Kleinfeld, Klaus (USA), Former Chairman and CEO, Arconic
Knot, Klaas H.W. (NLD), President, De Nederlandsche Bank
Koç, Ömer M. (TUR), Chairman, Koç Holding A.S.
Kotkin, Stephen (USA), Professor in History and International Affairs, Princeton University
Kravis, Henry R. (USA), Co-Chairman and Co-CEO, KKR
Kravis, Marie-Josée (USA), Senior Fellow, Hudson Institute
Kudelski, André (CHE), Chairman and CEO, Kudelski Group
Lagarde, Christine (INT), Managing Director, International Monetary Fund
Lenglet, François (FRA), Chief Economics Commentator, France 2
Leysen, Thomas (BEL), Chairman, KBC Group
Liddell, Christopher (USA), Assistant to the President and Director of Strategic Initiatives
Lööf, Annie (SWE), Party Leader, Centre Party
Mathews, Jessica T. (USA), Distinguished Fellow, Carnegie Endowment for International Peace
McAuliffe, Terence (USA), Governor of Virginia
McKay, David I. (CAN), President and CEO, Royal Bank of Canada
McMaster, H.R. (USA), National Security Advisor
Mexia, António Luís Guerra Nunes (PRT), President, Eurelectric and CEO, EDP Energias de Portugal
Micklethwait, John (INT), Editor-in-Chief, Bloomberg LP
Minton Beddoes, Zanny (INT), Editor-in-Chief, The Economist
Molinari, Maurizio (ITA), Editor-in-Chief, La Stampa
Monaco, Lisa (USA), Former Homeland Security Officer
Morneau, Bill (CAN), Minister of Finance
Mundie, Craig J. (USA), President, Mundie & Associates
Murtagh, Gene M. (IRL), CEO, Kingspan Group plc
Netherlands, H.M. the King of the (NLD)
Noonan, Peggy (USA), Author and Columnist, The Wall Street Journal
O’Leary, Michael (IRL), CEO, Ryanair D.A.C.
Osborne, George (GBR), Former UK chancellor, Editor, London Evening Standard
Papahelas, Alexis (GRC), Executive Editor, Kathimerini Newspaper
Papalexopoulos, Dimitri (GRC), CEO, Titan Cement Co.
Petraeus, David H. (USA), Former CIA director, chairman, KKR Global Institute
Pind, Søren (DNK), Minister for Higher Education and Science
Puga, Benoît (FRA), Grand Chancellor of the Legion of Honor and Chancellor of the National Order of Merit
Rachman, Gideon (GBR), Chief Foreign Affairs Commentator, The Financial Times
Reisman, Heather M. (CAN), Chair and CEO, Indigo Books & Music Inc.
Rivera Díaz, Albert (ESP), President, Ciudadanos Party
Rosén, Johanna (SWE), Professor in Materials Physics, Linköping University
Ross, Wilbur L. (USA), Secretary of Commerce
Rubenstein, David M. (USA), Co-Founder and Co-CEO, The Carlyle Group
Rubin, Robert E. (USA), Co-Chair, Council on Foreign Relations and Former Treasury Secretary
Ruoff, Susanne (CHE), CEO, Swiss Post
Rutten, Gwendolyn (BEL), Chair, Open VLD
Sabia, Michael (CAN), CEO, Caisse de dépôt et placement du Québec
Sawers, John (GBR), Former MI6 DG, Chairman and Partner, Macro Advisory Partners
Schadlow, Nadia (USA), Deputy Assistant to the President, National Security Council
Schmidt, Eric E. (USA), Executive Chairman, Google owners Alphabet Inc.
Schneider-Ammann, Johann N. (CHE), Federal Councillor, Swiss Confederation
Scholten, Rudolf (AUT), President, Bruno Kreisky Forum for International Dialogue
Severgnini, Beppe (ITA), Editor-in-Chief, 7-Corriere della Sera
Sikorski, Radoslaw (POL), Senior Fellow, Harvard University
Slat, Boyan (NLD), CEO and Founder, The Ocean Cleanup
Spahn, Jens (DEU), Parliamentary State Secretary and Federal Ministry of Finance
Stephenson, Randall L. (USA), Chairman and CEO, AT&T
Stern, Andrew (USA), President Emeritus, SEIU and Senior Fellow, Economic Security Project
Stoltenberg, Jens (INT), Secretary General, NATO
Summers, Lawrence H. (USA), Charles W. Eliot University Professor, Harvard University
Tertrais, Bruno (FRA), Deputy Director, Fondation pour la recherche stratégique
Thiel, Peter (USA), President, Thiel Capital
Topsøe, Jakob Haldor (DNK), Chairman, Haldor Topsøe Holding A/S
Ülgen, Sinan (TUR), Founding and Partner, Istanbul Economics
Vance, J.D. (USA), Author and Partner, Mithril Capital
Wahlroos, Björn (FIN), Chairman, Sampo Group, Nordea Bank, UPM-Kymmene Corporation
Wallenberg, Marcus (SWE), Chairman, Skandinaviska Enskilda Banken AB
Walter, Amy (USA), Editor, The Cook Political Report
Weston, Galen G. (CAN), CEO and Executive Chairman, Loblaw Companies Ltd and George Weston Companies
White, Sharon (GBR), Chief Executive, UK broadcasting regulator, Ofcom
Wieseltier, Leon (USA), Isaiah Berlin Senior Fellow in Culture and Policy, The Brookings Institution
Wolf, Martin H. (INT), Chief Economics Commentator, Financial Times
Wolfensohn, James D. (USA), Chairman and CEO, Wolfensohn & Company
Wunsch, Pierre (BEL), Vice-Governor, National Bank of Belgium
Zeiler, Gerhard (AUT), President, Turner International
Zients, Jeffrey D. (USA), Former Director, National Economic Council
Zoellick, Robert B. (USA), Non-Executive Chairman, AllianceBernstein L.P.

3 commenti su “GRUPPO BILDERBERG 2017”

  1. Ma come , manca Obama bin laden,il premio nobel della pace più guerrafondaio della storia? Certo forse è ancora troppo presto, attirerebbe l’attenzione dei media e potrebbe essere indicato come il boia di Trump trump marescià. Sevegnini e la Gruber, in rappresentanza dei media televisivi di Renzi-no sono in linea con la politica internazionale che vuole l’Italia con la badante troika. Prodi-no preferisce lavorare nel retrobottega, lì si trova più a suo agio.In conclusione tanta tappezzeria ed una decina di individui che poi decideranno per quei miliardi di abitanti del pianeta Terra che fanno da manichini in giro per il mondo. In fondo se per 6 mila euro hanno fatto quella carneficina a Londra, città seria, neanche fosse il circo Barnum. Buona notte mondo, e non mettere la sveglia, non serve e non servi.

  2. Da Il Giornale di 20 minuti fa;” Washington Post: ‘Putin diede istruzione di danneggiare Hillary Clinton’.
    Il Washington Post torna sul Russiagate: la Cia accertò l’intervento di Putin nella campagna per favorire la corsa di Trump alla Casa Bianca.”
    ECCO L’ENNESIMA FAVOLA PER NON FAR PIANGERE QUEL SALICE PIANGENTE DELLA HILLAY CLINTON. DUE MANDATI DELL’OBAMA BIN LADEN,IL NOBEL DELLA PACE PIU’ GUERRA FONDAIO DELLA STORIA,SENZA CONTARE DEL CLINTON PRESIDENTE CON ANNESSA SEGRETARIA SOTTO LA SCRIVANIA, NON HANNO DATO NESSUNA “PROTEZIONE” DELLA CIA,LA STESSA CHE ADDESTO’ OSAMA BIN LADEN,PROVENIENTE DALL’ARABIA SAUDITA CHE CON OBAMA E’ IL VERO MANDATE DELLA COSTITUZIONE,INSIEME AD OBAMA OVVIAMENTE,DELL’ISIS/DAESH? MA DAVVERO LA CLINTON CON I SUOI MASTINI DELLA CARTA STAMPATA VOGLIONO FAR CREDERE DI NON AVER FATTO ANCHE DI PEGGIO? RENZI-NO AL LORO COSPETTO E’ AL SECONDO ANNO DELL’ASILO MATERNO E NON E’ CHE LUI SIA STATO ELETTO,SEMPLICEMENTE “CONSIGLIATO” AL PARTITO DEL DANARO DAL COMPAGNO PRESIDENTE NAPOLITA-NO, LO STESSO CHE INNEGGIAVA ALL’INVASIONE DELL’UNGHERIA DA PARTE DELL’UNIONE SOVIETICA DI CUI PUTIN ERA UN COLONNELLO DEI SERVIZI SEGRETI. COME LA CIA CHE NON VEDEVA SCANDALI CON CLINTON E NE COSTRUISCE CON TRUMP TRUMP MARESCIA’ !!

  3. Warren Buffet,ricchissimo e discutibile piranha dell’economia, ha detto che la globalizzazione porterà disoccupazione ed impoverimento sino alla morte della classe operaia e sempre più lo spostamento della classe operaia nei paesi come la Cina o con regimi similari. Manodopera estremamente qualificata ma ad un costo nettamente basso non vi sembra l’Italia con la manodopera proveniente dal nord Africa? Pensateci bene e poi ditemi se sbaglio.

Rispondi